2.19 – S.O.S. (Rose)

Episodio: 2×19
Titolo Originale: S.O.S.
Scritto: Steven Maeda & Leonard Dick
Regia: Eric Laneuville
Episodio dedicato a: Rose

63 giorni post crash 23 novembre 2004

Sull’Isola – 23 novembre 2004

Avete perso la speranza

Mentre sistemano le provviste alimentari della DHARMA, che sono letteralmente piovute dal cielo, Rose e Bernard discutono, lui dice che ha passato 7 settimane fatte soltanto di brutte giornate quando era lontano da lei dall’altra parte dell’isola.
Bernard è perplesso davanti al comportamento dei Losties che non si pongono domande su tutto quel cibo che è “piovuto” sull’isola come per miracolo. Lui non può fare a meno di osservare che sembra proprio che abbiano smesso di sperare di essere salvati, sono rassegnati, tanto è vero che hanno addirittura costruito una cucina sulla spiaggia.

Nel rifugio

Locke è seduto davanti al computer mentre il conto alla rovescia procede, in lui ormai si è fatta strada l’idea che sia inutile premere il pulsante ogni 108 minuti. Non vuole parlare con Jack dei suoi dubbi, però su una pagina strappata da un libro di poesie, Locke ha disegnato la mappa che ha visto per pochi minuti quando le porte blindate si sono abbassate e cerca disperatamente di ricordare più dettagli possibili.
Jack si accorge che Locke è distratto e gli ricorda che è arrivato il momento di premere il pulsante, poi va da Ana Lucia per chiedere notizie sul prigioniero. Henry Gale da due giorni ha smesso di parlare, di bere e di mangiare.

Uno scambio

Nell’armeria, il falso Henry Gale continua con il suo atteggiamento muto e assente e mentre Jack lo medica, gli dice che proprio dopo avere ascoltato le sue parole ha pensato di andare a parlare con “Gli Altri”, perché se lo rivogliono indietro allora dovranno accettare lo cambio dei prigionieri.
Queste parole fanno finalmente uscire il prigioniero dalla sua apatia, giusto per replicare che gli “Altri” non permetteranno mai che Walt torni indietro.

Pesce e acqua

Rose porta a Hurley una scatola di biscotti, pensando di fare una cosa gradita, ma lui ha iniziato a fare la dieta, quindi la ringrazia, ma dice che ormai vive di pesce e acqua e li rifiuta. Mentre i due chiacchierano arriva Bernard correndo, è eccitato e chiede ad Hurley d’andare a chiamare tutti: Craig, Neil, Jenkins, li deve radunare tutti, ma proprio TUTTI quelli che riesce a trovare, e poi devono andare da lui che ha appena avuto un’idea.

Scriviamo un messaggio

Quando tutti sono riuniti, Bernard dice che visto e considerato che sull’isola sono stati lanciati degli alimenti con un paracadute, significa che ci sono aerei che sorvolano le loro teste.
L’isola dunque può essere individuata o dagli aerei o dal satellite e lui ha pensato che devono scrivere un messaggio sulla spiaggia che sia visibile a tutti.

False speranze

Rose obbietta che forse bisognerebbe parlarne prima con Jack ma Bernard ribatte che non è necessario chiedere il permesso di Jack, che in fondo è solo un dottore, e lei sempre più dispettosa dice: “si certo..e tu sei un dentista!”.

Marito e moglie si appartano, lui è contrariato perché si sente ostacolato davanti a tutti, d’altra parte i loro punti di vista sono totalmente differenti. Bernard ha una fede incrollabile, spera sempre che possa accadere un miracolo, mentre Rose non vuole che le persone si facciano delle false speranze o delle illusioni.

L’isola mette sempre alla prova, infatti Rose si è già trovata in simili circostanze con suo marito e quindi non può fare a meno di ripensare alla sua esperienza prima di arrivare sull’isola.

Flashback – Inverno 2003-2004 – Bronx

Primo incontro

Sotto una forte nevicata, i marciapiedi e le strade della città sono sporche e Rose, che non è una gran pilota, sta facendo manovra per uscire dal parcheggio. Il caso vuole che Bernard passi di là, la vede in difficoltà, si ferma l’aiuta ed ecco fatto! I due si piacciono subito e quando stanno per salutarsi Rose invita Bernard a prendere un caffè con lei.

Canada – Primavera anno 2004

Sono scapolo da 56 anni

Cinque mesi dopo il loro incontro, Rose e Bernard cenano insieme in un ristorante, seduti davanti a delle finestre che si affacciano sulle Cascate del Niagara, lo spettacolo è davvero affascinante.
Bernard fa un cenno e due violinisti si avvicinano al loro tavolo e, mentre loro suonano, Bernard chiede a Rose di sposarlo.

Sono malata

Bernard pronuncia delle parole davvero romantiche. E’ molto innamorato di Rose e dice di avere aspettato cinque mesi a dichiararsi ma avrebbe potuto farlo dopo cinque minuti.
Naturalmente Rose è commossa, però risponde che è molto malata e le restano pochi mesi di vita.
Bernard, allontana i violinisti, intanto Rose spiega che era già stata malata ma la malattia era stata in remissione per due anni, quando si era convinta di essere guarita la malattia si è ripresentata, adesso lei è certa che non potrà guarire e ormai non le resta che un anno di via o poco più.
Bernard piange ma ripete la sua proposta e Rose accetta.

Australia – metà settembre 2004

Viaggio di Nozze – We are LOST

Rose e Bernard vanno in Australia per il loro viaggio di nozze un giorno, mentre girano nel deserto con una jeep, Rose si accorge che stanno girando in tondo e comincia a pensare che si sono persi.
In realtà Bernard sa benissimo dove stanno andando e informa sua moglie di avere contattato un guaritore che si chiama Isaac di Uluru, che abita proprio in quel villaggio.

Sono in pace con quello che mi sta succedendo

Marito e moglie discutono poiché le loro posizioni sono molto diverse. Rose dice di essere in pace con quello che le sta capitando, non vuole cullarsi in false speranze mentre Bernard non vuole arrendersi e farebbe di tutto per cambiare le cose.

Rose diffida

Mentre Rose aspetta di essere ricevuta dal guaritore osserva che le pareti di quella stanza sono piene di lettere e di messaggi di persone che scrivono per ringraziare di essere state guarite.
Poi Isaac arriva e riceve Rose che vuole sapere come procede con i pazienti, lui spiega che ci sono luoghi che sono particolari. Loro si trovano in un posto che è dotato di grande energia geologica e magnetica, il guaritore con le sue mani è in grado di raccogliere e trasferire questa energia positiva che ha effetti benefici sugli ammalati.

Dirò che sono guarita

Isaac poi mette le mani sul viso di Rose, tiene gli occhi chiusi per due minuti e poi li riapre per dire con aria contrariata che non riesce a guarirla, evidentemente quello non è il posto giusto per lei e quindi renderà a Bernard i soldi che gli ha dato come donazione.
Rose non si aspettava il miracolo, che forse non si è verificato proprio a causa della sua mancanza di fiducia, però decide che non dirà la verità a suo marito, al contrario gli lascerà pensare che lei è guarita così lo renderà più felice.

Sull’isola

Bernard non riesce a capire l’atteggiamento di sua moglie ma non si rassegna e va dritto da Mr. Eko a chiedere aiuto. Bernard ha intenzione di andare a prendere delle pietre che userà per scrivere un messaggio che finalmente possa servire a rintracciarli, arriveranno i soccorsi, i Losties hanno bisogno di essere salvati.

Una chiesa

Mr. Eko e Charlie sono molto presi, stanno costruendo una Chiesa e non intendono smettere i loro lavori.
Le persone si salvano in diversi modi dice Mr. Eko e riprende a tagliare e spostare alberi, Bernard è scoraggiato e prima di andarsene dice a Eko che lo preferiva quando picchiava la gente con il bastone, dietro di lui arriva Charlie con le braccia cariche di legna e dice che a lui Mr. Eko piace così.

S.O.S.

Bernard è sulla spiaggia ma hanno risposto davvero in pochi, non c’è Craig e neanche Frogurt, cioè mancano le persone che erano con lui dall’altra parte dell’isola, tuttavia lui non demorde. Bernard ha intenzione di scrivere un messaggio di grandi dimensioni, ogni lettera dovrà essere grande 40 piedi, per farlo occorre recuperare delle pietre, sulla sabbia bianca le pietre laviche risalteranno meglio, quindi bisogna andare a recuperarle. Dopo avere suddiviso i compiti fra di loro, anche se fra qualche scontento, i naufraghi iniziano a darsi da fare.

Nel rifugio

Jack conclude che è arrivato il momento di andare dagli “Altri” a proporre uno scambio. Ana Lucia resta con Locke, però gli consegna la sua arma e gli consiglia di non andare da solo.

Alla spiaggia

Kate sta raccogliendo dei molluschi da più di un’ora e ne ha raccolti soltanto quattro, Sawyer dice che lo farà scrivere sul libro dei primati, nel frattempo arriva Jack che le chiede di accompagnarlo, lei naturalmente accetta subito.
E i due partono per raggiungere la linea di confine, pronti a una nuova avventura …

Rispondimi…

Jack se ne è andato ma Ana Lucia non permette a Locke di entrare nel locale dell’armeria dunque non gli resta altro da fare che parlare con il prigioniero attraverso la porta.
Il tarlo del dubbio si è ormai fatto strada in Locke, che non riesce a pensar ad altro che alla mappa e al momento dell’incidente quando tutte le porte si sono abbassate.
Locke attraverso la porta chiede al falso Henry Gale se ha inserito i numeri e se ha premuto il pulsante, come gli aveva chiesto di fare, ma il prigioniero tace. Locke perde le staffe e alza sempre di più la voce battendo i pugni contro il muro: “Henry rispondimi…hai inserito i numeri? Hai premuto il bottone? Rispondimi.. rispondimi!…” ma il prigioniero tace e, mentre Locke si dispera, lui sorride.

Sulla spiaggia

Io dico Pasadena

Bernard chiede aiuto a Sawyer che è occupato a riparare la sua tenda “Per favore vieni a dare una mano?” e Sawyer risponde “io dico Pasadena” e si rifiuta di collaborare, preferisce restare lì.
Intanto Rose osserva il marito da lontano, poi lui le si avvicina per manifestarle tutto il suo sconforto. Ha cominciato il suo lavoro quella mattina con 15 persone ed ora ne sono rimaste soltanto 4, certo lei sarà contenta, visto che non ha fatto altro che ostacolarlo.

Non dire agli altri cosa devono fare

Rose pensa che suo marito deve incolpare se stesso per quello che è accaduto, non ha capito che le persone non amano sentirsi dire cosa devono fare, inoltre dovrebbe imparare a lasciare che le cose accadano. Bernard, si allontana risentito e risponde che se non fosse proprio perché lui è fatto così, lei non sarebbe li.

Tre file

Ormai nessuno collabora più, è rimasto soltanto Jin, però ci sono grossi problemi di comprensione fra lui e Bernard che non riesce a spiegargli che, per fare una scritta che sia ben visibile dall’alto, occorrono tre file di pietre. I due discutono e non si intendono, Bernard spiega che sta chiedendo aiuto e sta facendo di tutto perché spera di riuscire a riportare a casa sua moglie, ma Jin dice “mi dispiace” volta le spalle e se ne va.

Un airone e un allocco

Locke è seduto sulla spiaggia ad osservare l’oceano, Rose gli si avvicina per scambiare due parole, poiché ormai è tanto tempo che non lo vede fuori dal rifugio.
La donna dice che suo marito è fissato e vuole scrivere un messaggio sulla spiaggia, è fiducioso che qualcuno arrivi a salvarli, mentre lei lo considera un illuso che non riconosce la differenza fa un airone e un allocco.
Anche Locke è un pochino depresso, ha chiuso, non vuole più saperne del rifugio, inoltre Jack ha detto che prevede che gli occorreranno quattro settimane per guarire.
Il commento di Rose è piuttosto strano, guarda Locke negli occhi con aria di complicità e dice che loro sanno che non servirà tutto quel tempo.

Ti ho mentito

Più tardi, mentre Bernard lavora ormai da solo Rose lo raggiunge per portargli della zuppa e coglie l’occasione per scusarsi con lui. Per un momento i due si fraintendono, perché lei non si riferisce a quello che è avvenuto sull’isola ma parla dell’Australia.

Sono guarita

Rose si sente in colpa con suo marito, così ha deciso che è arrivato il momento di dirgli la verità e confessa che Isaac non è riuscito a guarirla e lei a tale proposito gli ha mentito.
Mentre il guaritore ha fallito, sull’isola Rose si è accorta di essere guarita e dice a suo marito di esserne certa, è stata l’isola che ha permesso la sua guarigione.
Bernard adesso capisce il comportamento di sua moglie e capisce perché non ha nessuna intenzione di andarsene, la storia finisce che anche lui smette di mettere in fila le pietre e rinuncia a scrivere il messaggio di richiesta di aiuto.

Locke sulla sedia a rotelle

Rose è certa che sia stata l’isola a guarirla, perché si ricorda benissimo di avere visto Locke sulla sedia a rotelle. Lui le ha raccolto da terra un flacone di pastiglie che le era caduto, proprio mentre attendevano di essere imbarcati sul volo Oceanic 815. Locke non camminava e sull’isola è in grado di andare a caccia, dunque i luoghi dove si può guarire esistono veramente, non è una illusione. Questo è quello che pensa Rose, ma ancora una volta non ne parla con Bernard.

Nella giungla

Merce avariata

Mentre si inoltrano nella giungla, Jack spiega a Kate che ha deciso di chiedere aiuto a lei perché Sayid si è rifiutato di accompagnarlo, gli “Altri” l’hanno rilasciata dopo averla catturata e questo lo fa sentire più tranquillo. Kate constata con amarezza che è vero, a tutti e due è stato permesso di andare, dice che forse sono considerati “merce avariata”.

Nella rete

Kate lungo il cammino vede una bambola e la raccoglie, Jack tenta di fermarla ma è troppo tardi perché i due finiscono intrappolati in una rete, forse è una trappola messa dalla Rousseau.
Kate chiede scusa ma … è troppo tardi, il danno è fatto.

Jack e Kate non sono mai stati così vicini, sono spaventati ma neanche tanto dispiaciuti, poi tra una contorsione e l’altra Kate riesce a prender la pistola di Jack e tenta di colpire la rete, ma il suo colpo fallisce. Il secondo tentativo lo compie Jack che colpisce la corda e i due cadono a terra, ora possono liberarsi.

Piove a dirotto, ormai liberi dalla rete Jack e Kate hanno ripreso la loro marcia per raggiungere la linea di confine dove si sono incontrati con gli “Altri”, Kate finalmente racconta di avere scoperto, girando con la Rousseau e Claire, l’esistenza di un altro rifugio della DHARMA, che era stato abbandonato ma all’interno avevano trovato vestiti che sembravano costumi per travestimenti e diversi medicinali.

I Losties non sono un gruppo (lo diceva anche Hurley)

Jack è arrabbiato perché Kate non gli ha parlato prima delle cose che ha scoperto insieme a Claire, lei a suo volta si dichiara risentita perché nessuno l’aveva informata che nel rifugio ci fosse un prigioniero. Intanto sono finalmente arrivati nel punto dove Kate era stata catturata, Jack lo riconosce e si ferma cominciando ad urlare e a chiamare, vuole parlare con gli “Altri” vuole proporre uno scambio. Tutto tace però nessuno risponde, Kate è convinta che sia tutto inutile.

Ormai è scesa la sera Kate e Jack chiacchierano davanti al fuoco, gli “Altri” non hanno risposto e non si sono fatti vedere. Jack è sicuro che li hanno visti e sentiti e vuole ancora aspettare, infatti a un tratto qualche cosa succede. C’è una luce che si muove, poi si sentono dei rumori e per finire davanti a loro Michael cade a terra svenuto.

Nel rifugio

Locke torna al rifugio mette un disco e ascolta la bellissima canzone di Otis Redding “These arms of mine”, la stessa che Rose ascoltava la notte in cui conobbe suo marito. Questo episodio è cominciato sulle note di questa musica romantica e finisce con questa stessa musica.

Da questo momento, accompagnati da questo sottofondo musicale, vediamo lo svolgersi dei fatti nei diversi punti dell’isola.
Locke ha ripreso a sorridere, sulla pagina del libro dove ha disegnato la mappa scrive degli appunti, intanto Sun e Jin, Rose e Bernard e anche Hurley e Libby sono insieme e felici. Sawyer è solo e un pochino triste, però vicino a lui c’è Vincent al quale lui passa un boccone della sua cena e il cane felice gli scodinzola attorno. Poco più in là Claire coccola il suo piccolo Aaron, l’atmosfera sembra incantata e quasi perfetta, tanto bella da fare quasi preoccupare. Forse è la quiete prima della tempesta.

Commenti

Il titolo S.O.S. è il segnale di richiesta di aiuto universalmente adottato.
Queste tre lettere S.O.S. sono l’acronimo di “Save Our Souls” “Salvate le Nostre Anime”.
Tutto questo episodio mette in evidenza il tema della contrapposizione, fin dall’inizio quando sulla sabbia bianca Bernard usa la pietra lavica che è nera per scrivere il suo messaggio. Lui pensa alla salvezza materiale, Mr. Eko costruisce una Chiesa perché pensa alla salvezza spirituale.
In effetti qualunque cosa ha il suo opposto e nessuna cosa può esistere senza l’altra. A ogni giorno segue sempre la notte, al buio segue sempre la luce, alla vita segue sempre la morte. Gli opposti sono fondamentali e tutta la nostra esistenza si regge su una infinita serie di opposti.

Nel simbolo del Tao in ogni metà è presente una piccola quantità del rispettivo opposto, infatti le differenze vengono rappresentate da un cerchio con due metà separate da una linea curva. Questo simboleggia l’imperfezione della vita umana.
Bernard e Rose sono marito e moglie, lui bianco e lei nera ma questa non è la sola diversità fra i due che sono opposti, ma questo non costituisce un ostacolo alla loro relazione, al contrario sono complementari: uno per vivere ha bisogno dell’altro.
Lei accetta il destino, mentre lui tenta sempre di cambiare le cose.
Lei è scettica, dubita di tutto, per credere ha bisogno di fatti, mentre Bernard è sempre pronto a sperare che possa succedere un miracolo, pensa sempre a qualche cosa di straordinario che possa cambiare il corso degli eventi.
Rose accetta il suo destino con rassegnazione, mentre Bernard non è mai passivo, si oppone con tutte le sue energie e cerca in tutti i modi di cambiare le cose.
Rose dice che Bernard non saprebbe riconoscere un allocco da un airone, intende dire che suo marito crederebbe a qualsiasi cosa, infatti sarebbe pronto a confondere anche due animali che sono completamente diversi. L’allocco è un rapace notturno che si è guadagnato la fama di essere stupido a causa dei suoi grandi occhi rotondi fissi e vuoti. L’airone è il suo opposto, è un trampoliere alto ed è ammirato per la sua bellezza e la sua eleganza slanciata, ha zampe e collo lungo.

Inganni
Fatti e cose taciute non mancano mai in ogni episodio di Lost, inganni e bugie abbondano, a volte a fin di bene a volte per truffare. In questo episodio Rose lascia che Bernard si illuda che il guaritore abbia compiuto il miracolo e che lei sia guarita.

La malattia di Locke
Rose in aeroporto ha visto Locke sulla sedia a rotelle.
Anche Boone probabilmente era a conoscenza di questo problema (episodio 1.19 – Deus Ex Machina) inoltre non si può escludere che Locke lo abbia confidato a Walt, nessun altro ne è a conoscenza.

Uluru: località conosciuta anche con il nome di Ayers Rock, è un massiccio roccioso. Gli aborigeni lo considerano un luogo sacro. Si trova in Australia (Oceania) nel Territorio del Nord, nel Parco nazionale Uluru-Kata Tjuta.

Riferimento ad altri episodi e timeline
In aeroporto si vedono diversi superstiti della sezione di coda, poi sono apparsi nell’episodio 2.07 – Gli altri 48 giorni – The Other 48 Days.
Bernard dice a sua moglie Rose che ha avuto 7 settimane (48 giorni) fatte soltanto di cattive giornate dall’altra parte dell’isola. Episodio 2.07 – Gli altri 48 giorni – The Other 48 Days.
Bernard e Rose hanno trascorso insieme 5 mesi prima che lui le chiedesse di sposarlo. (dicembre 2003 aprile 2004)
Bernard nel mese di aprile 2004 scopre che Rose è malata di cancro e che le resta soltanto un anno di vita.
Bernard è nato nel 1948, alle cascate Niagara dice di avere 56 anni.
Jack dice che a Locke servono Quattro settimane per poter guarire. (circa fino al 21 dicembre 2004)
Jack raggiunge la linea di confine per tentare uno scambio tra il falso Henry Gale e Walt, episodio 2.11 – Linea di confine – The Hunting Party.
Eko dice che costruisce la chiesa sull’isola per salvare le persone, episodio 2.12 – Fuoco e Acqua – Fire + Water.
Jack e Kate cadono nella rete, come il falso Henry Gale, 2.14 – Uno degli altri – One of them.
Kate racconta a Jack della stazione della DHARMA che ha scoperto insieme a Claire, episodio 2.15 – Maternità – Maternity Leave.
Jack usa l’idea che il falso Henry in qualche modo gli ha suggerito e tenta uno scambio di prigionieri, episodio 2.16 – Tutta la verità – The Whole Truth.
Locke tenta di disegnare la mappa che ha visto quando le porte si sono abbassate, episodio 2.17 – Chiusura – Lockdown.
Il falso Henry Gale dice di non avere premuto il pulsante, episodio 2.17 – Chiusura – Lockdown e episodio 2.18 – Dave.

Lost e la musica
“The Right Girl for Me”: suonata dal violinista Roger Edens quando Bernard chiede a Rose di sposarlo.

“These Arms of Mine”: di Otis Redding, all’inizio dell’episodio con Rose e Bernard e alla fine con Locke nel bunker.

Testo tradotto in italiano di “These arms are mine”.
Queste mie braccia sono sole, sono sole tristi, queste mie braccia ti vogliono.
E se ti lasciassi stringere da loro ti sarò grato.
Queste mie braccia stanno bruciando dalla voglia di te, queste mie braccia, vogliono stringerti
E se ti lasciassi stringere da loro te ne sarò grato
Ora dai, dolcezza, diventa la mia piccola donna e basta, e diventa solo la mia amante, ho bisogno del tuo calore e ho bisogno che le tue braccia mi stringano forte.
Ho bisogno che le tue braccia amorevoli mi stringano forte.

Sawyer e i suo soprannomi

Sawyer chiama Jack “Dr. Giggles”. Si tratta di un film dell’orrore del 1992, racconta la storia del figlio psicopatico di un medico che è un assassino di massa.
Sawyer chiama Bernard “Norma Rae”, un film del 1979 nel quale la protagonista viene coinvolta dalle battaglie per i diritti dei lavoratori.

Sawyer e lo slang

Lost e la letteratura
Alla fine dell’episodio, Locke cerca di disegnare la mappa che ha visto sulla porta blindata, utilizza una pagina di un libro di uno scrittore francese, Alfred de Musset, intitolato “Sur le débuts de mesdemoiselle Rache e Pauline Garcia” (Poésies nouvelles – 1850)

I versi seguenti sono quelli leggibili:

Discutons nos travers, nos rêves et nos goûts,
Comparons à loisir le moderne et l’antique,
Et ferraillons sous ces drapeaux jaloux.
Quand nous serons au bout de notre rhétorique,
Deux enfans nés d’hier en sauront plus que nous.
O jeunes cœurs remplis d’antique poésie,
Soyez les bienvenus, enfans aimés des dieux!
Vous avez le même âge et le même génie.
La douce clarté soit bénie
Que vous ramenez dans nos yeux !
Allez, que le bonheur vous suive!
Ce n’est pas du hasard un caprice inconstant
Qui vous fit naître au même instant.
Votre mère ici-bas, c’est la Muse attentive
Qui sur le feu sacré veille éternellement.
Obéissez sans crainte au dieu qui vous inspire.
Ignorez, s’il se peut, que nous parlons de vous.
Ces plaintes, ces accords, ces pleurs, ce frais sourire,
Tous vos trésors, donnez-les nous :
Chantez, enfants, laissez-nous dire.

The Guinness Book of Records: Kate raccoglie Quattro cozze in trenta minuti e Sawyer le dice che andrebbe messa nel libro dei primati.

Autrice: Katrina

Rispondi