Alias

J.J Abrams lo conosciamo tutti: il vecchio volpone che ha sbancato con il nostro amatissimo Lost è uno dei geni televisivi più indiscussi.

Prima di Lost, Fringe, Star Trek e molte altre creazioni recenti, c’era un solo prodotto che monopolizzava l’attenzione degli appassionati, lì dove gli “ingrippamenti” per gli indizi hanno mosso i primi passi: Alias.

Dal primissimo episodio, fino alla fine delle cinque stagioni, Alias non ha mai smesso di intrattenere e incuriosire.
Alternando momenti drammatici, spalle divertenti, inseguimenti mozzafiato con tutto il pacchetto action all-inclusive di plot twist, la giovane Sydney Bristow fa da collante a tutto questo universo creato.
Un po’ Lara Croft, tanto James Bond, Indiana Jones in parte, il personaggio interpretato da Jennifer Garner è un’icona delle eroine, ben prima dell’avvento sul piccolo e grande schermo di quelle Marvel.

Sydney Bristow è ancora una studentessa del college, quando le viene proposto un lavoro per l’SD-6, una presunta sezione segreta della CIA. Lei accetta l’offerta e diviene presto un agente operativo.

Ben presto, Sydney vuole rinunciare all’attività di spia, ma l’SD-6, capeggiata da Arvin Sloane, non permette che un suo agente si dimetta e cerca di ucciderla. Viene rocambolescamente salvata dal padre Jack Bristow (con cui non ha mai avuto un vero rapporto), il quale le fa sapere di far parte dell’SD-6 e le rivela che quest’agenzia è in realtà una branca dell’Alleanza dei Dodici, un’organizzazione terroristica nemica degli Stati Uniti.
Sydney decide di offrirsi alla CIA come agente doppio-giochista e, una volta accettata, scopre che anche il padre lo è. I suoi sforzi, insieme a quelli del padre e del suo contatto alla CIA Michael Vaughn, sono ora rivolti a distruggere l’Alleanza.

Da qui parte una serie di rocamboleschi eventi che prenderanno direzioni diverse durante il corso delle cinque stagioni, senza mai “perdere il colpo”, grazie anche all’ottimo cast, specialmente quello di supporto (solo per nominarne uno, dei tanti, il villain Ron Rifkin, oltre a Terry O’Quinn che fa il suo magistrale debutto in questa serie) e anche le guest star che si sono susseguite negli anni come, nientepopodimenoche Isabella Rossellini.

Da rivedere tutte cinque le stagioni, con una bella maratona! Gli episodi sono 22 per ogni stagione, tranne per l’ultima che ne ha 17, da 45 minuti ciascuno.

Una curiosità che apprendiamo da Wikipedia: Nel 2003 Jennifer Garner, che interpreta l’agente CIA protagonista della serie, è stata realmente contattata dalla CIA per prendere parte ad una campagna promozionale finalizzata a reclutare nuove leve nell’agenzia.

E se lo dicono loro…

Rating: ★★★★★★★★★★ 

Ideatore: J.J. Abrams

Cast
Jennifer Garner: Sydney Bristow
Victor Garber: Jack Bristow
Ron Rifkin: Arvin Sloane
Carl Lumbly: Marcus Dixon
Kevin Weisman: Marshall Flinkman
Michael Vartan: Michael Vaughn
David Anders: Julian Sark
Greg Grunberg: Eric Weiss
Bradley Cooper: Will Tippin
Merrin Dungey: Francie Calfo
Lena Olin: Irina Derevko
Melissa George: Lauren Reed
Mía Maestro: Nadia Santos
Anno: 2001

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scroll Up