1.17 – Cambiamenti – …In translation (Jin)

Episodio: 1×17
Titolo Originale: …In translation
Scritto: Javier Grillo-Marxuach & Leonard Dick
Regia: Tucker Gates
Episodio dedicato a: Jin

1701

32 – 33 – 34 giorni dopo il crash

Flashback – Corea- intorno l’anno 1999

Un accordo o un ricatto?

Jin va nell’ufficio di Mr. Paik, uomo ricco e potente che riveste anche il ruolo di Amministratore Delegato della Paik Heavy Industries, deciso a chiedergli la mano di sua figlia Sun.
Jin è una persona molto semplice, per l’occasione ha indossato il suo abito migliore, vuole fare bella figura, ma al cospetto di quell’uomo così importante, seduto dietro la scrivania che continua a firmare documenti e che praticamente lo ignora, si sente molto nervoso.
Finalmente Mr. Paik gli rivolge la parola, vuole sapere per quale ragione lui vuole sposare sua figlia. Jin risponde con il cuore e dice che Sun è il “suo sogno”, Mr.Paik lo incalza chiedendogli cosa ne penserebbe suo padre di questo matrimonio e Jin chinando il capo risponde che suo padre è morto da molto tempo.
Alla fine del loro discorso Mr. Paik offre a Jin un lavoro come impiegato presso l’industria Paik,
Jin per la verità aveva altri progetti, aspirava ad aprire un ristorante tutto suo, tuttavia per Sun è disposto a fare qualunque cosa, dunque accetta.
L’accordo viene “siglato” semplicemente con una stretta di mano come si conviene fra galantuomini.

Le nozze – anno 2000

Il giorno delle nozze Sun è nella sua stanza, indossa il suo abito da sposa ed è bellissima, quando entra Jin anche lui splendido nel suo smoking.
La damigella d’onore esce lasciandoli soli perché possano avere un momento di intimità prima che la festa abbia inizio. A Sun dispiace molto che il padre di Jin non possa essere presente proprio in quel giorno così importante per loro. Jin la rassicura sostenendo che dovunque lui si trovi in quel momento è certamente fiero di suo figlio.
Sun è contrariata perché Jin deve intraprendere un “training manageriale” per un periodo di 6 mesi, cosa che farà ritardare la loro luna di miele. Sun è alquanto sospettosa riguardo i compiti che suo padre ha affidato a Jin, lui invece la rassicura promettendole che subito dopo faranno un viaggio di nozze meraviglioso e che sarà proprio come lo hanno sempre sognato.

Jin riceve un importante incarico da Mr.Paik

Jin viene convocato nella stessa stanza dove si era recato a chiedere la mano di Sun e inizia a scusarsi ma viene interrotto da Mr. Paik, il quale gli dice che non lo ha convocato per fargli dei rimproveri, anzi, gli sta offrendo una promozione. Jin da quel momento diventa “assistente personale” di Mr. Paik, il quale gli affida subito un incarico delicato.
Jin deve andare dal coreano Mr. Byung Han, Segretario del Ministero della Protezione dell’Ambiente, per informarlo che una fabbrica delle industrie Paik è stata da poco chiusa dal ministero, e che Mr. Paik a questo proposito è davvero “molto scontento”.
Una volta arrivato a casa di Mr. Byung Han, Jin si rende conto che l’uomo è terrorizzato quando gli dice chi lo manda, poi stranamente quando Jin gli riferisce il messaggio sembra tranquillizzarsi.

Un cucciolo in regalo

Mr. Byung Han dimostra di avere davvero a cuore di essere benvoluto da Mr.Paik e così prende il cucciolo di Shar Pei di sua figlia e lo offre a Jin per sdebitarsi del messaggio ricevuto.
Jin è perplesso ma alla fine accetta il regalo.

Una strana coincidenza

In casa di Mr. Byung Han la TV è accesa, la sta guardando sua figlia e sullo schermo c’è Hurley che viene intervistato per avere ottenuto una vincita milionaria alla lotteria.
Il giorno seguente Sun scherza con suo marito, coprendogli gli occhi e lo porta verso il tavolo da pranzo per poi mostrargli orgogliosa una bella tavola apparecchiata per loro. Stanno per iniziare la cena quando il cellulare di Jin suona, lui lo spegne, non vuole essere disturbato. Poco dopo suona il telefono di casa e a quel punto sanno tutti e due che la cena è finita.

La felicità ha un prezzo

Jin si presenta da suo suocero che è infuriato con lui, lo accusa di non essere stato capace di consegnare neanche un “semplice” messaggio. La fabbrica di automobili è ancora ferma e questo è per le Industrie Paik un grave danno, che causa una ingente perdita di denaro.
A questo punto Jin “deve” imparare a comportarsi, quindi questa volta andrà a casa del Segretario della Protezione dell’Ambiente, accompagnato da una persona di fiducia di Mr.Paik che gli mostrerà chiaramente come si consegnano i suo messaggi.

Jin per evitare di far compiere un omicidio diventa violento

Durante il percorso in macchina per arrivare a casa di Mr. Byung Han, Jin non ha più dubbi sulle intenzioni del suocero. La persona che è con lui si mette dei guanti e mette il silenziatore alla sua pistola, poi dice che tutto sarà finito in due minuti.
A questo punto Jin capisce cosa deve fare per salvare la vita a Mr. Byung, così quando arrivano a destinazione è lui il primo a scendere dalla macchina, entra per primo in casa e picchia Mr. Byung selvaggiamente sotto gli occhi della sua famiglia, urlando che assolutamente già da domani la fabbrica di automobili di Mr.Paik deve essere riaperta.
Riesce tuttavia a sussurrare nelle orecchie del povero uomo che così facendo gli sta salvando la vita, poi risoluto esce da quella casa dicendo che Mr.Byung Han ora ha ricevuto il messaggio, e l’uomo di fiducia di Mr. Paik a quel punto mette via la pistola e lo segue.

Jin torna a casa

Jin, torna a casa da sua moglie, sporco e insanguinato, va subito in bagno a lavarsi, per togliersi il sangue dalle mani, e proprio in quel momento Sun, che si è svegliata per i rumori, lo raggiunge e lo guarda inorridita. Lei naturalmente lo interroga, ma davanti al suo silenzio lo schiaffeggia per la rabbia.
Jin a quel punto si decide a parlare e dice che ha fatto solo quello che gli ha ordinato suo padre, Sun furibonda se ne va, lui continua a lavarsi le mani e a pulire il suo abito, ma poi si guarda allo specchio e scoppia in lacrime.

Metà settembre 2004

Il padre di Jin

Tempo dopo Jin va a trovare suo padre Mr. Known che non è morto, è una persona semplice che si guadagna da vivere facendo il pescatore.
Jin gli confessa di avere mentito sul suo conto perché si vergognava di lui, della loro povertà e ha raccontato a suo suocero che lui era morto.
Il brav’uomo non si risente per il comportamento del figlio anzi lo abbraccia e lo rassicura.
Jin a quel punto si sente libero di confidarsi e racconta tutto di suo suocero e di sua moglie. Lui detesta l’uomo che ora è diventato ma non vuole dire a Sun chi è in realtà suo padre, non vuole ferirla.

Da Sydney a Los Angeles

Jin ha già ricevuto un nuovo incarico da parte del suocero che è quello di andare a Sidney e a Los Angeles a consegnare un orologio prezioso per un suo socio.
Il padre di Jin gli consiglia di accettare l’incarico e poi di non tornare, anzi gli suggerisce di sparire dalla circolazione con sua moglie, in modo che nessuno possa più ritrovarli, così Jin avrà la possibilità di salvare il suo matrimonio.

Sull’Isola – 23 ottobre 2004

Jin apre gli occhi e si ritrova sulla spiaggia di quell’isola che ormai gli è familiare, lui è solo e gira la testa da un lato all’altro cercando qualche cosa.
Ecco che vede la sua bellissima moglie sul bagnasciuga che osserva l’orizzonte e indossa un semplice e seducente bikini, lui va subito verso di lei per dirle che si deve coprire con un pareo, i due parlano coreano e nessuno li capisce. E’ comunque evidente che Sun si rifiuta di ubbidire al marito, e fra loro scoppia una discussione davanti a tutti i presenti. A quel punto che Michael decide di intervenire, intromettendosi fra i due per difendere Sun che, cogliendolo del tutto di sorpresa, lo schiaffeggia e poi prende per mano suo marito allontanandosi con lui.
I due restano soli raggiungendo le grotte, ed è allora che Jin chiede a sua moglie se fra lei e Michael c’è una intesa, lei risponde che assolutamente fra loro non c’è nulla.
Più tardi Sun avvicina Michael, si scusa con lui per averlo schiaffeggiato e si giustifica sostenendo che lo ha fatto per proteggerlo, lui non sa di che cosa è capace Jin. Michael però risponde seccato che quello è un suo problema, lui pensa solo a terminare la sua zattera per andarsene dall’isola.
Jin intanto cerca di rilassarsi giocando a golf usando dei sassi di lava, Hurley con il suo carattere gioioso arriva, e per rompere il ghiaccio gli propone di andare a pescare, ma Jin continua ad essere di malumore e preferisce restare solo.
Sayid intanto è sempre più affascinato da Shannon e la corteggia, la ragazza è compiaciuta dalle sue attenzioni, così i due decidono di passare una serata da soli.

Via via…andiamo via di qua!

Michael procede nel costruire la zattera con l’aiuto di Walt, mentre il fedele cane Vincent trotterella sempre al loro fianco.
Michael si illumina parlando di New York e dei suoi palazzi, spera così di attirare l’attenzione di suo figlio, che invece distratto preferisce di gran lunga giocare con il cane.
Quando arriva Jack Michael è fiero di mostrare i suoi progressi con la zattera che, quando sarà completa, potrà portare via dall’isola quattro persone.
Naturalmente se ne andranno lui e suo figlio, un altro posto è già stato prenotato da Sawyer, che lo ha ottenuto dando a Michael alcune cime che gli servivano per la costruzione.

Sun e Kate

Kate chiede a Sun perché mai lei non dice a suo marito che è in grado di capire la loro lingua, ma proprio mentre Sun inizia a confidarsi la loro conversazione viene interrotta da grida provenienti dalla spiaggia. Tutti corrono in direzione della zattera di Michael che improvvisamente ha preso fuoco.
Ogni tentativo di spegnere l’incendio appare purtroppo inutile, e quando Michael vede Sun urla verso di lei furente, vuole sapere dove si trova Jin; Sun finge di non capire e tace.
Nessuno riesce a tranquillizzare Michael, che è convinto che sia stato Jin a dare fuoco alla zattera, solo Walt ha il potere di calmarlo un po’, mentre Sun si allontana per andare a cercare Jin.

Alle grotte

Sun ritrova suo marito alle grotte intento a frugare nella scatola dei medicinali poiché è ferito, le sue mani sono tutte ustionate! Preoccupatissima Sun gli chiede se è stato lui a dare fuoco alla zattera, e cerca di fare capire a suo marito che in fondo Michael stava solo cercando di portarli via da quel posto. Solo a sentire il nome di Michael il sangue di Jin ribolle e fa fatica a trattenere la sua rabbia, poi scompare nuovamente nella giungla.

Sulla spiaggia

Sayid va da Boone per spiegargli che tra lui e Shannon forse sta nascendo qualcosa di più importante di una semplice amicizia, Boone dice che certo non da loro la sua benedizione e avverte Sayid che sua sorella è bravissima a servirsi delle persone per ottenere quello che vuole, salvo poi abbandonarle in seguito senza problemi.
Sayid in realtà si lascia abbastanza colpire da queste affermazioni.
Il giorno seguente quando Shannon chiede l’aiuto di Sayid per costruire una capanna lui le risponde che è più che certo che lei possa cavarsela benissimo da sola.

24 ottobre 2004

Shannon capisce che Sayid ha parlato con Boone, si dirige nella nella giungla alla ricerca di suo fratello ed è così che invece incontra Locke.
Shannon incarica Locke di riferire a suo fratello di non intromettersi più nella sua vita, a quel punto Locke fa notare alla ragazza che da quando sono finiti sull’isola tutti stanno cercando di ricostruirsi una nuova vita e forse è arrivato anche per lei il momento di cominciare a farlo.

Nella giungla

Sawyer trova Jin vicino ad un fiume e, convinto anche lui che l’uomo abbia dato fuoco alla zattera, lo attacca e lo colpisce violentemente, poi lo trascina fino alla spiaggia deciso a consegnarlo nelle mani di Michael.
Quando arrivano alle tende i sopravvissuti si radunano attorno a Michael che tenta d’interrogare Jin, ma Jin purtroppo non capisce neanche una parola e risponde in coreano, a quel punto Michael chiede a Sun di tradurre le parole di suo marito e, visto che la donna resta muta, lui colpisce Jin ripetutamente.
A quel punto Sun urla disperata parlando in inglese, chiede a Michael di smettere di picchiare suo marito perché è innocente, non è stato lui a dare fuoco alla zattera.
In quel momento tutti si rendono conto che Sun sa parlare inglese, ma nessuno lo sapeva neanche suo marito!

Sun si decide a spiegare che Jin si è ustionato perché ha cercato di spegnere il fuoco che qualcun altro aveva acceso. Michael e Sawyer non sono convinti di quella spiegazione, mentre Locke interviene per dire che in effetti Jin non aveva ragioni per impedire a Michael di abbandonare l’isola. C’è una cosa però che tutti continuano a fare finta di non sapere ed è che i naufraghi non sono soli su quell’isola.

Non siamo soli sull’isola

Locke ricorda ai naufraghi che da quando sono arrivati sono stati attaccati, uccisi e Claire è stata rapita, ed è evidente che, anche se tutti hanno paura ad ammetterlo, su quell’isola ci sono “altri” abitanti.
A quel punto Sun continua a sostenere l’innocenza di Jin, mentre pian piano gli altri naufraghi si allontanano.

Michael non vuole desistere

Michael è disperato ma non vuole soccombere, dice a suo figlio che costruirà un’altra zattera e Walt gli promette che lo aiuterà.
Sun raggiunge Jin che raccoglie le sue cose con l’intenzione di abbandonare le grotte, per tornare al gruppo che si è insediato sulla spiaggia.
Sun e Jin si confrontano e lei scoppia a piangere, tutti e due hanno mentito l’un l’altro, ma ora Sun spera che possano cancellare tutto e ricominciare da capo. Purtroppo però suo marito dice che ormai è troppo tardi per tornare indietro, allontanandosi dalle grotte lasciando Sun in lacrime.

Quella sera Shannon si avvicina a Sayid e lo bacia, la ragazza ha deciso di seguire i consigli di Locke, è arrivato il momento anche per lei di iniziare una nuova vita.

Backgammom

Walt, gioca a backgammon con Locke esaltandosi perché dice di avere battuto Hurley, che gli deve la bellezza di 83.000 dollari per aver perso con lui.
Locke racconta a Walt di suo padre e gli confida che non era un uomo buono, poi all’improvviso gli chiede per quale ragione lui ha dato fuoco alla zattera.
Walt non immaginava di essere stato scoperto, ma poi finisce per ammettere che non voleva andarsene dall’isola perché gli piace molto vivere li, Locke è d’accordo con lui.
Sulla spiaggia, intanto, Jin avvicina Michael che sta lavorando alla zattera cercando di salvare quel poco che non è stato distrutto dal fuoco: Jin ha del bambù sotto il braccio e dice a Michael una sola parola, in inglese: “Barca”.

Sull’isola il 25 ottobre 2004

Michael, come aveva detto, ricomincia il duro lavoro di ricostruzione della zattera, e dalla giungla inaspettatamente esce Jin, che a quanto pare sembra proprio deciso ad aiutarlo.
Nel frattempo poco più in là… Sun è sola, ma ormai è una donna libera, e in costume da bagno guarda l’oceano.

Osservazioni particolari

Il titolo originale di questo episodio è “Lost in translation” che è una espressione tipica inglese che sta a significare quanto sia difficile esprimere lo stesso concetto parlando due lingue diverse.

Relazioni fra i personaggi

Quando Jin entra in casa di Byung Han, la figlia del segretario sta guardando la TV e nello schermo appare il volto di Hurley, intervistato probabilmente per la sua vincita milionaria.
(questo fatto sembra a sostegno di “La teoria dei sei gradi di separazione” che è un’ipotesi secondo cui qualunque persona può essere collegata a qualunque altra persona attraverso una catena di conoscenze con non più di 5 intermediari)

Sappiamo perché Sun e Jin sono su quel volo

Il flashback di Jin si riferisce alle stesse vicende narrate nell’episodio “La casa del Sol Levante” dove gli eventi però vengono vissuti dal punto di vista di Sun.
Jin riceve in regalo un cucciolo di Shar Pei. (gli animali sono sempre presenti negli episodi di Lost)
Jin per amore di Sun esegue gli ordini di Mr. Paik, padre di Sun, anche se è evidente che lo considera un uomo malvagio, infatti compie delle azioni cattive di cui poi si pente.
Jin si vergogna di suo padre che è un pescatore e mente parlando di lui.

Locke dice a Shannon che tutti hanno incominciato una “nuova vita” sull’isola.

Walt e Locke giocano a backgammon e a conferma del fatto che fra loro c’è grande sintonia, mentre parlano Walt ammette di avere dato fuoco alla zattera.

Gelosia, è un sentimento che spesso è presente negli episodi di Lost

Sayid dice a Boone di essere molto attratto da Shannon e Boone lo mette in guardia riguardo le cattive abitudini di sua sorella, consigliandogli di non fidarsi.
Jack è geloso di Kate
Jin è geloso di Michael
Michael è geloso di Locke

Bugie

Tutti mentono o hanno dei segreti che cominciamo a scoprire poco alla volta.
Sawyer possiede una dote particolare, è bravissimo a dare i soprannomi alle persone che inquadra sempre perfettamente e con grande ironia. In questo episodio lui chiama Sun “Betty” come una concorrente di un gioco televisivo (famoso in America) “Il club dei bugiardi”.

Gli Altri

Chi abita su quell’isola oltre i naufraghi e perché ancora non arrivano i soccorsi?

Riferimenti culturali

Hurley alla fine dell’episodio ascolta il suo lettore Cd e il brano è “Delicate” di Damien Rice.

Il gioco del backgammon, spesso compare negli episodi di Lost. E’ un gioco da tavolo un po’ particolare in quanto simboleggia una certa visione dell’esistenza umana. Per giocare infatti occorre sicuramente avere doti di abilità ma conta anche la fortuna. Il buon esito di una partita così come il successo nella vita non sempre si possono pianificare.

Il Signore delle Mosche: Sawyer quando cattura Jin gli dice che lui dovrebbe essere spaventato perché ora è venuto il tempo del Signore delle Mosche. (cita un libro di William Golding)

Rispondi