Gorbaciòf

Una bravura mostruosa di Tony Servillo nell’interpretare Gorbaciòf, cassiere nel carcere di Poggioreale a Napoli.

Marino Pacileo, detto Gorbaciòf, per la vistosa voglia che ha in fronte, è un uomo di poche parole, con una grande passione, il gioco, che lo porterà a rubare, imbrogliare, minacciare, malmenare e scendere a patti con avvocati creditori e poliziotti penitenziari corrotti; ma sempre seguendo la propria etica e dignità interiore, dando degli “schifosi” a chi non ce l’ha.

Cercherà di salvare Lila, nel suo candore, da un padre che probabilmente l’avrebbe venduta come una puttana al suo creditore di gioco, e da volgari clienti del ristorante cinese paterno.

Solo con lei Gorbaciòf sorriderà e troverà la speranza di volare verso un’altra vita, anche se i due non capiranno mai una parola detta dall’altro; Lila parla e capisce solo il cinese.

Gorbaciòf ha una camminata spedita, come le sue parole, spavalda, decisa, incedendo con il suo unico e immutato attillato completo, come una tigre orgogliosa che incontra solo scimmie, che si ergono a tigri, ma che non avranno la dignità per esserlo mai.

Rating: ★★★★★★★☆☆☆ 

Regia: Stefano Incerti
Sceneggiatura: Diego De Silva, Stefano Incerti

Cast

L’avvocato: Geppy Gleijeses
Lila: Mi Yang
Vanacore: Nello Mascia
Guardia del carcere: Salvatore Ruocco
Gorbaciof: Toni Servillo
Anno: 2010

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *