Good Doctor, The

Settembre porta sempre una ventata di novità nel palinsesto telefilmico e noi di Lost Indizi siamo sempre alla ricerca di buoni affari.

Abbiamo intercettato questo nuovo medical drama che ha un eccellente bigliettino da visita, visto che annovera come creatore David Shore, quel genio che ha portato alla luce il compianto dr. House, come attore principale il Norman Bates di Bates Motel Freddie Highmore, e il nostro Daniel Dae Kim (Jin) alla produzione.

Se avete visto o siete cultori di House, ebbene la visione del pilot, specialmente nei primi minuti, vi risulterà dura da digerire. C’è un complesso intreccio di sentimenti contrastanti: se da una parte il genio creativo di Shore è una garanzia, dall’altra alcune scene “strizzano” un po’ troppo l’occhio al prodotto originale, come per esempio la sigla. Seriously, was that absolutely necessary? L’originalità, people. L’originalità.

Ma veniamo con ordine. Shaun Murphy è autistico e geniale. E’ candidato al posto di chirurgo interno nell’ospedale di San Jose, supportato dal presidente del consiglio ospedaliero (Schiff), nonché suo mentore. Il consiglio non approva la sua assunzione, preoccupata dalla diagnosi di autismo di Shaun che però, da parte sua, dimostrerà di essere in grado di gestire questioni di vita o di morte.

La sua presunta incapacità di provare emozioni o di interagire con gli altri è raffigurata molto confusamente nel pilot; lo vediamo avere dei flashback della sua infanzia, al fianco del fratello minore che lo allontanerà da una situazione famigliare violenta; lo vediamo anche “studiare” sul suo libro mentale mentre effettua manovre di emergenza su un ragazzo che ha avuto un incidente; lo vediamo infine anche interagire con gli altri dottori della sala operatoria.
Seppur il caro british Freddie si dimostra all’altezza del suo ruolo, regalandoci questo Norman Bates inverso, che, nel momento di disagio, salva vite piuttosto che accoltellare, il tutto non convince a pieno.

Come pilot ha dentro tutto il calderone di medical drama: un pizzico di cardiopalma, una manciata di diagnosi differenziali, una buona dose di Grey’s Anatomy situazioni sessual-sentimentali piccanti, abbondanza di medici usciti da un concorso di bellezza, e la buona vecchia lacrimuccia da storia strappalacrime.

Non ci sentiamo di bocciarla ancora, non fosse altro per la fede in David Shore, ma qui bisogna dare una bella sferzata al tutto, altrimenti è un drama serio!

House, ci manchi <3

Rating: ★★★★★½☆☆☆☆ 

Cast

Freddie Highmore
Antonia Thomas (Misfits)
Nicholas Gonzalez (Mental, Pretty Little Liars)
Beau Garrett (Girlfriends’ Guide to Divorce, Criminal Minds)
Hill Harper (Limitless, Covert Affairs)
Richard Schiff (Rogue, The Affair, Murder in the First, The West Wing)
Tamlyn Tomita (Berlin Station)
Eric Winter
Anno: 2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *