3.06 – Lo voglio – I do (Kate)

Puntata: 3×06
Titolo Originale: “I Do”
Scrittore: Damon Lindelof, Carlton Cuse
Direttore: Tucker Gates
Episodio dedicato a: Kate

Kate ha sposato Kevin, eppure lei ha raccontato che era “Tom” l’unico uomo che lei abbia mai amato, o forse in realtà Kate non sà bene ciò che vuole.
Jack è solo e isolato, rinchiuso nella stazione dell’Idra, Kate viene portata da lui. Finalmente i due possono parlarsi e lei gli dice che se non opererà Ben, Pickett ucciderà Sawyer.

Fb 2002

Kate si sposa con Kevin, ma il suo matrimonio dura veramente poco, perchè lei a causa dei suoi guai con la legge e dovrà presto darsi alla fuga.

Alla stazione Idra

Kate viene incappucciata e Juliet la accompagna da Jack perché deve dirgli che se non deciderà di operare Ben, Pickett ucciderà Sawyer.
Jack le chiede se veramente crede a quello che dicono gli “Others” e Kate risponde “Devo”.
Jack sembra davvero furioso: sa che tutta la loro conversazione è seguita dalle telecamere e urlando si allontana da Kate.
Più tardi Jack riesce ad uscire dalla cella dove lo tengono rinchiuso perché qualcuno apre la sua porta e questo gli permette di vedere Sawyer e Kate insieme abbracciati nella stessa gabbia. Non è difficile capire quanto questo possa dispiacergli e spezzargli il cuore.
Ben sopraggiunge in quel momento e Jack prontamente gli punta contro la pistola, dice che è pronto a operarlo a una condizione: appena eseguito l’intervento dovrà essere lasciato libero di andarsene dall’isola.
Il giorno dell’intervento Jack fa in modo di avere un inconveniente e interrompe l’operazione. Ora è Jack ad avere in pugno la situazione e vuole che Kate e Sawyer vengano immediatamente liberati, altrimenti lascerà morire Ben.
Grazie a un walkie-talkie, Kate e Jack si parlano: la loro conversazione è tesa e molto molto emozionante anche Sawyer resta toccato dall’intensità dei sentimenti che avverte fra loro. Per concludere anche se Kate non vuole andarsene senza di lui, Jack le urla:
“Dannazione Kate, scappa!”

Sull’isola

Locke dice a Nikki e Paulo che è stato probabilmente un animale ad uccidere Mr.Eko poi però parlando con Sayid spiega che non sa spiegarsi che cosa in realtà lo abbia ucciso e dice di non avere un nome per il “Mostro” ma è convinto che ci sia una ragione per tutto quello che è successo anche se lui ancora non sà quale sia.

Commenti

“Alcatraz”

I prigionieri si trovano su un’isoletta grande il doppio di Alcatraz, lontana un braccio di mare dalla grande isola in cui si trova la spiaggia dei sopravvissuti.
E’ davvero strano che durante le loro esplorazioni i sopravvissuti, la Rousseau e Desmond con la sua barca, non se ne siano mai resi conto.

“Otherville”

si trova sull’isola più grande, mentre la Stazione dell’Idra è sull’isoletta più piccola.
Gli “Others” non sono uniti come sembra: Alex ancora una volta aiuta Kate e addirittura le urla: “Qualsiasi cosa dicano o facciano, non credergli! Uccideranno il tuo ragazzo, così come hanno ucciso il mio!”
Tra Ben e Juliet c’è uno stranissimo rapporto: Juliet vorrebbe che Jack uccidesse Ben… mentre Tom non è della sua stessa idea!
Pickett, forse perchè sua moglie Colleen è stato uccisa, non è minimamente preoccupato di mettere a rischio la vita di Ben e spara a Kate, la quale viene ancora una volta aiutata da Alex che chissà per quale strana ragione sta dalla loro parte.

Pickett parla di una lista :”Ben ha appena messo la sua vista nella mani di uno di loro! Shephard non era nella lista di Jacob!”l

Riferimenti culturali’

L’incisione sul bastone di Mr. Eko è presa dalla Bibbia il libro della Genesi versetti 13 e 14.
“Alza gli occhi e dal luogo dove tu stai spingi lo sguardo verso il settentrione e il mezzogiorno, verso l’oriente e l’occidente. Tutto il paese che tu vedi, io lo darò a te e alla tua discendenza per sempre. Renderò la tua discendenza come la polvere della terra: se uno può contare la polvere della terra, potrà contare anche i tuoi discendenti. Alzati, percorri il paese in lungo e in largo, perché io lo darò a te”.
Queste sono le parole dell’alleanza di Dio con Abramo, rinnovata poi con Mosè e Davide.
Questo segna un nuovo inizio per la storia del popolo di Dio, che diventerà così numeroso che non potrà contare la sua discendenza.

(autrice: Katrina)

Rispondi