6.07 – Dr. Linus

Episodio: 6×07
Titolo originale: Dr. Linus
Titolo italiano: Dr. Linus
Sceneggiatura: Edward Kitsis & Adam Horowitz
Regia: Mario Van Peebles
Dedicato a: Ben


Lost Island, 2008

E’ ancora notte nella foresta, Ben sta fuggendo dal massacro appena compiuto da Smokey al Tempio, incespica, cade a terra, scorge delle fiaccole nella notte. Sono Lapidus, Sun, Miles e Ilana, che appena vede Ben gli chiede dov’è Sayid. Così, Ben riferisce che Sayid sicuramente non sarà dei loro, visto che ha appena ucciso Dogen e il suo interprete. Ilana gli chiede se è sicuro di quello che dice, e Ben risponde che, avendo visto con i suoi occhi Sayid vicino ai corpi esanimi con un pugnale insanguinato in mano, né è “piuttosto sicuro”.
Sun contesta a Ilana che lei aveva detto che il Tempio sarebbe stato un luogo sicuro, e questa risponde che le era stato detto così.
Ben propone di andare sulla spiaggia dei naufraghi, come luogo più sicuro e tutti d’accordo si incamminano.

Timeline del 2004 – Los Angeles

Il Dr. Benjamin Linus sta spiegando alla sua classe di storia europea cosa ha significato l’Isola d’Elba per Napoleone, che vi si ritirò in esilio e, cosa ancora più distruttiva per lui, finì i suoi giorni senza il suo potere.
A fine lezione, il Preside Reynolds gli dice che non potrà più avere il suo “Club di Storia”, perché dovrà fare da supervisore agli alunni in punizione, aggiungendo che quel corso era per mera gloria personale di Ben, per nulla importante per quei pochi alunni che lo frequentavano.
Alla pausa pranzo, Linus si siede accanto al Dr. Arzt, l’insegnante di scienze, che si lamenta della scarsa e vetusta attrezzatura a disposizione per i laboratori, prendendosela col preside per la sua mancanza di interesse verso le materie scientifiche. Linus gli risponde che Reynolds non si interessa di ciò che è importante per gli studenti, perché essendo un amministrativo non ha a cuore i ragazzi, cosa a cui lui, invece, tiene molto.
Dal tavolo vicino, il supplente Locke dice, rivolto a Ben, che visto che tiene tanto alla scuola, dovrebbe farlo lui, il preside.

Lost Island, 2008

I cinque si avventurano nella giungla. Miles chiede a Ben cosa fosse quella “cosa” nel tempio, Ben risponde che è la stessa cosa che ha ucciso i compagni di Ilana alla statua. Ilana aggiunge: “E anche Jacob, vero?”. L’esitazione di Ben nel rispondere insospettisce ancora di più Ilana, che chiede a Miles di ricorrere ai suoi poteri di comunicare con i morti per scoprire come è realmente morto Jacob. Perciò, gli mette in mano il sacchetto con le ceneri raccolte nel braciere della stanza sotto la statua.
Miles entra in contatto con ciò che rimane di Jacob e rivela che è stato Ben a ucciderlo. Ovviamente Ben nega, ma Miles sarcasticamente ripete la frase detta in precedenza da Ben: era in piedi davanti al cadavere di Jacob e stringeva un pugnale insanguinato, quindi si, ne è “piuttosto sicuro”.
Ilana ringrazia Miles e con sprezzo dice a Ben che Jacob era per lei come un padre.
E’ giorno quando arrivano sulla spiaggia, dove ci sono ancora i resti di quello che fu il campo dei Losties. Ilana dice che occorrerà trovare degli attrezzi per rimettere a posto l’accampamento, chiede agli altri di trovare del cibo e di accendere un falò. Ben le si avvicina, mentre è intenta a tirar via dei cavi da un rottame d’aereo, e cerca di difendersi dall’accusa di aver ucciso Jacob infangando Miles, che vuol far apparire come sensitivo inaffidabile e ricattatore vendicativo. Ma Ilana non lo ascolta e lo pianta in asso.

Timeline del 2004

Ben prepara al microonde la cena per il padre, molto malato. Roger chiede al figlio com’è andata la giornata. Ben, mentre sostituisce la bombola d’ossigeno al padre, esterna la sua frustrazione nel fare un lavoro per nulla adeguato alla sua preparazione. Affranto, il padre dice che non era questa, la vita che voleva per lui, che la sua decisione di iscriversi alla Dharma Initiative e di andare sull’isola l’aveva presa perchè era sicuro di potergli offrire un futuro migliore. Gli dice: Pensa quanto sarebbero state diverse le nostre vite se fossimo rimasti.
Suona il campanello di casa Linus, Ben apre la porta e si trova davanti Alexandra Rousseau, sua alunna, che gli chiede perché non c’è stato l’incontro del Club di Storia. Ben si scusa, perché non si è ricordato di avvisare gli studenti del contrattempo, e spiega ad Alex che ora sarà occupato come sorvegliante degli alunni in punizione. Alex gli dice che sperava nell’aiuto di Ben per il suo prossimo esame, sicché Ben le propone di incontrarsi l’indomani mattina alle sette nella biblioteca.

Lost Island, 2008

Sun chiede a Ilana per quanto si dovranno trattenere al campo, perchè lei deve ritrovare suo marito. Ilana risponde che non lo sa, ma che trovare Jin è anche un suo interesse. Al che, Sun le chiede il perché e Ilana risponde che siccome Sun e Jin hanno lo stesso cognome, non sa bene chi dei due deve proteggere, o se deve proteggerli entrambi. Stupita, Sun le chiede di cosa sta parlando. Ilana risponde che loro sono tra i candidati a sostituire Jacob, e che solo se sarà scelta, saprà cosa dovrà fare. Aggiunge, poi, che sono rimasti 6 candidati.
Lontano dalla spiaggia, Jack sveglia Hurley perché devono tornare al tempio. Hurley tentenna (Jacob gli aveva presagito che qualcosa di brutto sarebbe accaduto, al tempio), ma Jack insiste e si incammina. Durante il tragitto Hurley cerca di depistare Jack, che comunque non sa quale strada prendere. Dal nulla compare Richard che li invita a seguirli, dicendo che lui conosce la strada per il tempio.
Ben, tra i resti della tenda che fu di Sawyer, trova una rivista, il libro di Benjamin Disraeli “Justice and Truth in Action” (letteralmente: “Giustizia e verità in azione”, ma nella bibliografia ufficiale dell’autore questo titolo non compare), un altro libro (The Chosen -Danny l’eletto- di Chaim Potok) e una bottiglietta d’acqua della Oceanic. A Frank, che è lì vicino, dice di ricordare bene quando quell’aereo si spezzò a metà. Frank, d’altro canto, stupisce Ben dicendo che avrebbe dovuto pilotarlo lui, quell’aereo, solo che quel giorno si svegliò tardi. Si chiede come sarebbe stata la sua vita, se si fosse svegliato per tempo. Ben sentenzia che, in fondo, l’isola “lo ha avuto lo stesso”.
Ilana sopraggiunge puntando alla gola di Bel la canna del suo fucile. Lo spinge verso il “cimitero” e dopo averlo legato per una caviglia ad una improvvisata corda costruita con i cavi presi dal relitto dell’aereo, gli ordina di scavarsi la fossa. Ha ucciso Jacob, dovrà morire.

Timeline del 2004

Nella biblioteca della scuola, Ben sta interrogando Alex sulla Compagnia delle Indie Orientali. La ragazza non riesce a rispondere ad una domanda, e esterna la sua frustrazione per la difficile situazione di stress che sta vivendo: la madre lavora duramente, lei vorrebbe andare a Yale ma non è sicura di potercela fare. Il Dr. Linus dice che sicuramente ce la farà, perché è una delle migliori allieve che abbia mai avuto e si offre di scriverle una lettera di raccomandazione. La ragazza risponde che sarebbe più appropriato e incisivo se lo facesse quel “pervertito” del preside Reynolds. Al che Ben ha paura di scoprire che il “pervertito” si sia permesso qualche licenza di troppo con l’alunna, ma Alex invece lo rassicura, e gli racconta un succulento pettegolezzo: per caso ha assistito ad un incontro sessuale tra Reynolds e l’infermiera della scuola.

Lost Island, 2008

Mentre Ben continua a scavare sotto la guardia armata di Ilana, Miles lo raggiunge e gli porta da mangiare, ma Ben rifiuta. Piuttosto, gli ricorda di quando gli chiese 3,2 milioni di dollari e gli dice che può farglieli avere, perché lui può andarsene in qualsiasi momento dall’isola e può contare su una fitta rete di persone e risorse. Gli chiede quindi di liberarlo.
Miles però gli fa notare che non ha bisogno dei suoi soldi, perché proprio lì c’è la tomba di Nikki e Paulo che sono stati seppelliti con 8 milioni di dollari in diamanti.
Ben si sfoga dicendo che finirà con l’essere punito per aver ucciso Jacob, al quale evidentemente non importava nulla di morire. Miles però gli dice che si sbaglia, perché ancora in punto di morte Jacob sperava di sbagliarsi sul conto di Ben.
Intanto, Richard guida nella giungla Jack e Hurley, che gli fa un sacco di domande per capire come mai abbia lo stesso aspetto di 30 anni prima, gli chiede se è un viaggiatore nel tempo un cyborg o un vampiro (). Richard dice che è complicato spiegarlo, ma riassume tutto dicendo che è stato un dono di Jacob.
I tre arrivano alla Black Rock e Richard ammette di aver mentito agli altri due perché non voleva portarli al tempio, dove tutti sono morti a causa di qualcosa di indefinibile e di terribile. Jack chiede se sono morti anche i loro amici, ma Richard dice di non averli visti tra i cadaveri, per cui deduce che probabilmente sono ancora vivi.
Jack chiede ad Hurley se era questo il motivo per cui lui non voleva andare al tempio, se sapeva qualcosa, e Hurley risponde che Jacob glielo aveva fatto capire. Richard stupito chiede ad Hurley se ha parlato con Jacob, e poi gli dice di non credergli, qualunque cosa gli dirà. Poi si avvia verso la Black Rock, dicendo che deve fare qualcosa: deve morire.

Timeline del 2004

Ben raggiunge Artz nel suo laboratorio, e gli chiede se lui è in grado di accedere alla casella delle emails dell’infermiera Kondracki. Artz vuol sapere il motivo, Ben tituba, ma di fronte all’insistenza di Artz, confessa di essere venuto a conoscenza che tra la donna e il preside Reynolds ci sia una relazione “inappropriata”. Artz intuisce che Ben miri a diventare il nuovo preside ricattando Reynolds, e accetta di aiutarlo a patto di avere in cambio qualcosa. In verità, non molto: chiede delle attrezzature di laboratorio più appropriate e un parcheggio migliore.

Lost Island, 2008

Richard entra nel relitto della Black Rock, seguito da Jack e Hurley. Si avvicina a delle catene e quando Jack gli chiede se è già stato lì, Richard risponde di si, ma che è la prima volta che ritorna dopo molto, molto tempo. Poi, si avvicina ad una cassa di dinamite e Hurley lo mette in guardia del pericolo che corrono, poiché la dinamite è instabile e loro hanno già visto gli effetti distruttivi che ha avuto su Artz. Hurley cerca di convincere Jack ad allontanarsi da lì: Richard ha detto che vuole suicidarsi ed è vicino alla dinamite, sicché pensa che sia insano rimanere nei paraggi. Richard però risponde che non può uccidersi anche se lo desidera molto, perciò chiede a loro di farlo. Jack vuole delle informazioni da Richard, gli domanda cosa intenda con “non posso suicidarmi, anche se volessi”. Richard spiega che siccome è stato “toccato” da Jacob ha ottenuto un dono (l’immortalità) che si è rivelata una maledizione. Per dimostrarlo, fa cadere un candelotto di dinamite, che non esplode. Mentre Hurley si agita e ritiene di doversi allontanare, Richard spiega a Jack, che si mostra molto interessato al racconto, perché vuole morire: ha passato tutta la sua vita al servizio di un uomo che gli aveva assicurato che tutto succede per un motivo e che aveva un piano; solo che quell’uomo ora è morto senza fornirgli alcuna spiegazione, per cui ora si rende conto che è stato tutto vano. Sicchè, chiede a Jack di accendere la dinamite per consentirgli di morire, precisando che ha preparato una miccia lunga a sufficienza per consentire a Jack di mettersi al riparo. Jack sembra accettare quel compito, accende la miccia e si siede di fronte a Richard, dicendogli “Ok, ora parliamo”. Hurley, sempre più terrorizzato, cerca di convincere Jack ad andare via, ma siccome l’amico insiste a voler parlare con Richard, Hurley si allontana saggiamente.
Richard invita Jack a seguire Hurley, ma Jack è convinto che non morirà nessuno dei due, perché è stato al faro dove Jacob aveva detto ad Hurley di portarlo; lì, ha visto il suo nome inciso su un quadrante di legno che faceva ruotare uno specchio su cui era riflessa l’immagine della casa in cui è cresciuto. Così, ha dedotto che Jacob voleva che lui sapesse di averlo osservato per tutta la vita. Non ne capisce il motivo, ma conclude che se Jacob “si è preso così tanto disturbo” e lo ha voluto sull’isola, non è certo per farlo saltare in aria con Richard. Richard azzarda che forse Jack è in errore, ma Jack non si sbagliava: difatti, la miccia si spegne prima di arrivare all’esplosivo.
Ora è Richard a pensare che Jack abbia tutte le risposte e gli chiede cosa faranno. Jack dice che dovranno tornare “dove tutto è incominciato”.
Mentre Ben continua a scavare, sente il metallico rumore che preannuncia l’arrivo del fumo nero. Alle sue spalle compare il falso Locke (o Man In Black, o Nemesi) che lo saluta e gli chiede cosa stia facendo. Ben si lamenta e lo incolpa di averlo messo in quella situazione, perché lo ha convinto ad uccidere Jacob e questo ha fatto infuriare la sua “guardia del corpo” (Ilana), che ora vuole ucciderlo. Locke gli dice che è tornato a prenderlo, che ha organizzato un gruppo con il quale lascerà l’isola per sempre, e che pertanto ci sarà bisogno di qualcuno che si prenda cura dell’isola, quando lui se ne sarà andato, insinuando che l’unico in grado di farlo è proprio Ben. La sete di potere di Ben è veramente tanta, è allettato dalla proposta, ma rabbiosamente dice che non può liberarsi. Locke indica la caviglia “imprigionata” di Ben, che ora è libera. Gli dice di raggiungere lui e il suo gruppo spostando sull’altra isola, alla Stazione Hydra. Ben osserva che Ilana lo inseguirebbe, ma Locke gli dice che poco lontano da lì, nella giungla, ha lasciato un fucile per lui. Se sarà rapido, potrà impossessarsene e sparare a Ilana.
Locke si allontana e Ben decide di scappare.

Timeline del 2004

Ben va dal preside Reynolds e gli consegna un fascicolo con le prove della corrispondenza piccante tra questi e l’infermiera. Lo ricatta chiedendogli di dimettersi e di raccomandarlo come suo sostituto, altrimenti renderà pubblica quella relazione immorale. Ma Reynolds a sua volta gli mostra una richiesta per una lettera di raccomandazione per Yale di Alex Rousseau, e lascia intendere a Ben che se lui porta avanti il suo ricatto, lui a sua volta farà di tutto per rovinare la carriera scolastica della sua “pupilla”. Sta a Ben, la scelta.

Lost Island, 2008

Ben raggiunge la radura e impugna il fucile lasciatogli da Locke prima che Ilana lo raggiunga. Puntandole il fucile, Ben sfoga la sua frustrazione per aver sacrificato tutto ciò che di più caro aveva (la figlia) in nome dell’isola, di Jacob, che non si è mai preoccupato di questo. Abbassa il fucile e aggiunge che quando ha pugnalato Jacob era arrabbiato, confuso e terrorizzato all’idea di perdere il potere. Si scusa con Ilana per aver ammazzato Jacob e sa che lei non potrà perdonarlo, perché lui stesso non perdonerà mai se stesso. Ilana gli chiede cosa vuole, Ben risponde che vuole essere libero di andarsene con Locke, perché è l’unico che lo prenderà con se. Ilana dice che lei farebbe lo stesso, e va via. Ben segue Ilana.

Timeline del 2004

Ben entra nell’ufficio del Preside. Subito dopo entra anche Alex, che vuole ringraziare Reynolds per la lettera di raccomandazione che ha avuto e si chiede se per caso non sia opera del dr. Linus. Ben nega che sia merito suo. Entra il Preside Reynolds e chiede a Ben cosa fa nel suo ufficio. Ben è passato solo per lasciargli degli incartamenti. Saluta Alex dicendole che si vedranno al club di storia, che è stato appena ripristinato.
Uscito fuori, Ben incontra Artz, ansioso di sapere i risvolti del “ricatto”. Se ne va deluso quando Ben gli dice che non è andato in porto.

Lost Island, 2008

Ilana e Ben ritornano al campo sulla spiaggia. Ben si avvicina a Sun e si offre di aiutarla con la copertura del rifugio.
Miles è seduto distante e osserva dei diamanti. Compaiono sulla spiaggia Hurley, Jack e Richard. Sun corre ad abbracciare i suoi amici, tutti si salutano felici di trovarsi e ritrovarsi, Ben osserva a distanza osservato a sua volta da Jack.

Al largo, il periscopio di un sottomarino osserva la scena sulla spiaggia. All’interno, un militare avvisa qualcuno che c’è della gente sulla spiaggia, e chiede se “devono fermarsi”. Widmore risponde “No, procediamo secondo i piani”.

Autrice: loislane

Rispondi