Dancing on the Edge

Dancing on the edge

Siete appassionati di musica jazz? Della Londra del 1930? Luoghi chic e scintillanti? Omicidi? L’ambiente segretissimo dei Massoni? Giornalismo d’assalto? Nuove idee e innovazioni? Beh allora indubbiamente questa è la serie che fa per voi!

Stanley Mitchell è un giornalista che più che star sulla storia decide di farla lui, con il suo occhio e orecchio precursore dei tempi, lancerà un gruppo di musicisti jazz di colore nel luogo più ostico e inaspettato, l’Imperial Hotel, dove gli ospiti in cartapecorita di certo non son pronti per questa musica e colore fuori dalla loro norma, ma Stanley riuscirà a portar li il Principe d’Inghilterra che con il suo apprezzamento decreterà il successo della band.

Al culmine del successo però la prima cantante verrà trovata in fin di vita, nelle stanze a loro decretate nella zona superiore dell’hotel, chi è stato ad aggredirla? Un ricco uomo d’affari misterioso? Il di lui giovane attendente? O il capo della band?

La caccia è cominciata, tra amori, misteri, insabbiamenti e fughe.

Miniserie inglese deliziosa, dalla sceneggiatura, agli attori, all’ambientazione curatissima, fatevi conquistare a suon di jazz!

In tutto cinque episodi, la prima puntata è di 1.30 minuti, la seconda terza e quarta da un’ora e la quinta da 1.30 minuti, in più c’è uno speciale con l’agognata intervista a Mr. Louis Lester l’enigmatico capoband.

Le bellissime location sono: la Bluebell Railway, la Wilton Music Hall è stata utilizzata per il club. Fenton House, Hampstead, è la casa di Donaldson. Kidderminster Town, sulla Severn Valley Railway, è stato utilizzato come “Folkestone” nel quinto episodio, in quell’episodio compaiono anche i negozi di Manze’s Eel, Pie and Mash a Walthamstow.

Da non perdere!

Rating: ★★★★★★★★½☆ 

Scritto e diretto da Stephen Poliakoff

Cast

Chiwetel Ejiofor: Louis
Matthew Goode: Stanley
Janet Montgomery: Sarah
Jenna-Louise Coleman: Rosie
Angel Coulby: Jessie
Jacqueline Bisset: Lady Cremone
John Goodman: Masterson
Tom Hughes: Julian
Jenna Coleman
Joanna Vanderham
David Dawson
Anno: 2013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *