2.09 – Storia di Kate – What Kate did (Kate)

Episodio: 2×09
Titolo Originale: What Kate did
Scritto: Steven Maeda e Craig Wright
Regia: Paul Edwards
Episodio dedicato a: Kate

09021

Kate crede di essere diventata pazza perché sente e vede delle cose strane. Eko fornisce a Locke un documento importante. Michael riceve un messaggio “speciale”.

Giorno 49: martedì 10 novembre 2004

Mattino presto, sulla spiaggia

Jin e Sun si abbracciano teneramente fuori dalla loro tenda, sotto lo sguardo compiaciuto di Hurley. In lontananza, un solitario Sayid scava la fossa che accoglierà la sua Shannon.

Stazione Cigno

Jack sta medicando Sawyer che, nel delirio, chiede di Kate e sussurra che l’ama, lasciando stupito Jack.

Nella Giungla

Kate sta raccogliendo della frutta per Sawyer, quando l’apparizione di un cavallo nero la lascia stupita.
Questo ci conduce al suo…

Flashback: 2001

Kate giocherella con un accendino sulla veranda della sua casa.
Da uno scalcinato pick-up scende un uomo evidentemente ubriaco, lei gli va incontro e lo aiuta ad entrare in casa e a mettersi a letto.
L’uomo le fa dei complimenti che lasciano Kate fredda e, infastidita, esce da casa.
Kate si allontana in moto, lasciandosi alle spalla la casa appena esplosa.
Entra in una tavola calda, si siede al bancone e le si avvicina la cameriera, che è sua madre. La donna ha un polso fasciato e quando Kate le chiede come mai, risponde esitante di essersi fatta male da sola, ma Kate sa bene che è l’ennesima prova di violenza di suo marito Wayne, e le fa capire di averlo ucciso. Lasciando sua madre nello stupore per quello che ha fato, va via chiedendole di coprirla, perché quello che ha fatto, lo ha fatto per lei.

10 novembre 2004

Stazione Cigno

Kate rientra con la frutta e chiede a Jack come sta Sawyer. Il Doc ovviamente non le dice del precedente delirio di Sawyer, dice solo che ha ancora la febbre alta e che mangiare qualcosa lo aiuterebbe. Poi invita Kate ad andare al funerale di Shannon, ma la donna dice che vuole rimanere accanto a Saywer.

Sulla spiaggia

Eko va da Ana Lucia, che sta montando la sua tenda. L’uomo cerca di persuaderla ad andare al funerale, ma la donna si sente in colpa e crede che anche gli altri sopravvissuti la ritengano tale, per cui rifiuta.
Tutti i Losties sono riuniti attorno al feretro di Shannon, Sayid racconta brevemente, distrutto dal dolore, la storia che l’ha unito a Shannon, che li ha fatti innamorare.

Stazione Cigno

Kate mette su un disco di Patsy Cline (“After Midnight”), si siede vicino a Sawyer e, mentre gli prepara un po’ di frutta da mangiare, gli parla come se lui possa ascoltarla, gli racconta anche di aver visto il cavallo. Sawyer sussurra qualcosa, Kate gli si avvicina ma Sawyer, d’improvviso si sveglia, afferra Kate per il collo e con una voce che non è la sua le chiede perché l’ha ucciso.
Locke e Jack entrano nel Cigno mentre l’allarme suona; mentre John si affretta ad inserire i numeri, Jack chiama a gran voce Kate, che sembra scomparsa, e soccorre Sawyer, che è svenuto per terra.

Kate nella giungla, incontra Charlie che le chiede come mai non fosse al funerale. Per tutta risposta, Kate gli chiede se sia possibile che sull’isola ci siano dei cavalli. Charlie stupito risponde che sull’isola ha visto orsi polari, strani mostri, ma nessun cavallo.

Flashback: 2001

Kate è in una stazione e sta comprando un biglietto di sola andata per Tallahasseee. Alle sue spalle, un uomo le chiede cosa ci vada a fare una ragazza da sola a Tallahassee. La donna risponde distratta, e cerca di andarsene via presto, ma l’uomo in realtà è lo sceriffo che la sta braccando a seguito della denuncia di sua madre, così l’arresta.

10 novembre 2004

Sulla spiaggia

Davanti ad un falò, Charlie suona la chitarra, Jack gli chiede se ha visto Kate e Charlie riferisce di averla vista poco prima nella giungla e che crede che sia diretta alle grotte.

Stazione Cigno

Locke libera Jin dalla manetta che ancora aveva al polso. Michael “esplora” la stazione, e chiede a John perché ci sono delle porte a tenuta stagna. Locke non ne era a conoscenza e quindi non ne conosce neppure l’uso, ma dice che c’è un filmato di orientamento della stazione Cigno e gli propone di vederlo, cosa alla quale sembra essere interessato anche Mr. Eko, che sortisce dal nulla e si introduce nella conversazione.

Nella giungla

Jack raggiunge Kate, sola e pensierosa, e le chiede cosa sia accaduto nel bunker. Ma la ragazza è scossa, farnetica di non sentirsi all’altezza della situazione e cerca di allontanarsi. Jack la trattiene e cerca di calmarla e Kate, per tutta risposta, lo bacia. Dopo di che, stupita da se stessa, evidentemente, lo pianta come un palo nella giungla e corre via.

Stazione Cigno

John, Michael ed Eko stanno osservando il filmato di orientamento. Michael chiede come si sono organizzati per premere il pulsante e chiede se tutti i “turnisti” abbiano accettato di farlo senza neanche sapere di preciso a cosa serva, poiché nel filmato questo non viene spiegato. Peraltro, fa notare a Locke che il filmato è incompleto, che ci sono delle parti mancanti. Locke chiede l’opinione di Eko che, in disparte e taciturno sembra riflettere su qualcosa e, piuttosto che rispondere, si alza e se ne va.

Sulla spiaggia

Kate è vicino alla tomba di Shannon, sopraggiunge Sayid che adorna la croce tombale con una catenina di rosario. Kate cerca di giustificare la sua assenza al funerale, poi chiede a Sayid se lui crede nei fantasmi, ma Sayid le confessa di aver visto Walt nella giungla poco prima che Shannnon fosse uccisa, e risponde a Kate chiedendole se questo fa di lui un pazzo.

Flashback: 2001

E’ notte. Su una strada battuta da una forte pioggia c’è l’auto con la quale lo sceriffo sta conducendo Kate al processo. L’uomo le chiede come mai una brava ragazza come lei, senza precedenti di sorta, abbia deciso proprio in quel momento di commettere un omicidio. Kate non risponde, allora lo sceriffo ipotizza che l’uomo abbia cercato di sedurla scatenando in lei la violenza che l’ha portata ad uccidere. Ma Kate risponde che Wayne non l’ha mai toccata. All’improvviso, un cavallo nero taglia la strada all’auto, che sbanda ed esce di strada. Lo sceriffo rimane stordito dall’impatto e Kate ne approfitta per prendere le chiavi delle manette, buttarlo fuori dall’auto e fuggire. Davanti a lei, il cavallo sembra osservare la scena.

Stazione Cigno

Michael continua a far domande a Locke riguardo il computer, l’inserimento dei numeri, e gli chiede di dare uno sguardo all’intero sistema. Locke lo lascia fare e si allontana. Si siede vicino a Eko, nella stanza accanto. Eko, senza un apparente motivo, racconta a Locke la storia di Re Giosia, un re dell’antichità che era destinato a ricostruire il Tempio di Gerusalemme grazie ad un antico libro, l’Antico Testamento. E’ una parabola che racconta quanto la Bibbia sia stata preziosa per la ricostruzione della fede cristiana. Poi Eko dà a Locke una Bibbia che ha trovato nella Stazione Freccia, sull’altro lato dell’isola. Nel libro, è celata la parte mancante del filmato di orientamento del Cigno.

Falshback: 2001

Kate entra in un ufficio dell’esercito americano e si avvicina al Sergente Sam Austen, suo padre. L’uomo si stupisce che lei sia lì, le chiede se sia vero quello di cui è accusata. Kate gli chiede perché lui non gli ha mai rivelato che il suo vero padre era Wayne, cosa che ha scoperto per caso da sola. L’uomo dice che glielo ha tenuto nascosto perché sapeva che se lei l’avesse saputo l’avrebbe ucciso. Kate gli chiede perché non l’ha fatto lui, ma lui le risponde che non l’ha fatto perché non ha il cuore di un assassino. Poi le dice che dovrà chiamare la polizia, ma le concede un’ora di vantaggio per la fuga. Kate lo abbraccia e va via.

10 novembre 2004

Stazione Cigno

Kate ha sostituito Sun nell’accudire Sawyer. Gli si avvicina e lo chiama Wayne, convinta che nel corpo di Sawyer ci sia il fantasma di suo padre. Quindi dice che lo ha ucciso perché non sopportava l’idea che fosse una parte di lei, e ancora adesso, ogni volta che guarda Sawyer e prova qualcosa per lui, rivede Wayne, e questo la fa star male. In quel momento Sawyer si sveglia e le dice che è la cosa più dolce che abbia mai sentito, anche se non sa chi sia “Wayne”. La tensione di Kate si scioglie nella felicità di rivedere Sawyer ormai fuori pericolo.
Sawyer si stupisce di essere in un letto, e chiede se siano stati salvati, ma purtroppo Kate gli racconta che sono ancora sull’isola e che si trovano in un bunker.

John sta rimontando lo spezzone di pellicola mancante, e dice che non è un caso che due gruppi di sopravvissuti erano in possesso delle due parti della pellicola, che ora è intera perché anche i due gruppi si sono riuniti. Eko gli dice di non confondere la coincidenza con la fede.
Kate sorregge Sawyer e lo guida attraverso il bunker, fuori nella giungla dove si convince che purtroppo sono veramente ancora sull’isola. Sawyer strabuzza gli occhi pensando di avere un’allucinazione: alle spalle di Kate è comparso un cavallo nero. Kate, confortata di avere avuto la stessa “visione”, che evidentemente non è una sua personale allucinazione, si avvicina la cavallo e lo accarezza.

Sulla spiaggia

Jack si avvicina ad una solitaria Ana Lucia e le offre da bere, cercando di socializzare con lei e di convincerla che l’uccisione di Sahnnon è stato un incidente e che presto tutti ne saranno convinti.

Stazione Cigno

Mente Michael armeggia col computer, Eko e John rivedono il filmato ormai integro. Nella parte che mancava, il dottor Candle raccomanda che il computer sia usato esclusivamente per l’inserimento dei numeri, diversamente un uso improprio causerebbe “un altro incidente”.
Michael sente uno strano suono provenire dal computer. Si avvicina e sullo schermo legge un messaggio di saluto. L’ignoto interlocutore gli chiede chi sia e lui scrive “Sono Michael, tu chi sei?”. L’altro risponde: “Papà?”

(autrice: loislane)

Rispondi