2.01 – Uomo di scienza, uomo di fede – Man of science, man of faith (Jack)

Episodio: 2×01
Titolo originale: “Man of Science, Man of Faith”
Scrittore: Damon Lindelof
Regia: Jack Bender
Episodio dedicato a Jack

01011

Alla fine della prima stagione alcuni dei Losties erano riusciti ad aprire la botola con la dinamite.

L’episodio inizia con un suono intermittente e un uomo, a cui per ora non si vede mai chiaramente il viso, che si alza da letto, digita alcuni numeri su un vecchio computer, dopodiché mette su un LP con la canzone Make your own Kind of Music e con questo sottofondo musicale, in una stanza arredata anni ’70, fa ginnastica, si lava, si prepara la colazione e …si inietta una sostanza nel braccio. La sua routine viene interrotta da quella che sembra un’esplosione esterna a cui l’uomo reagisce armandosi e attivando un sistema di ispezione a specchi grazie al quale riesce a guardare attraverso un tunnel fin fuori la sua casa…vedendo riflesse negli specchi i faccioni dei nostri Losties ci rendiamo conto però che la sua casa altro non è che la botola appena aperta da Locke, Jack e Co con la dinamite.

Nonostante jack sia dell’idea che quella botola è troppo pericolosa per fungere da rifugio e che comunque sarebbe meglio aspettare il giorno, Locke decide che la esplorerà immediatamente , trovando il supporto di Kate, preoccupata che lo faccia da solo.

FB

All’ospedale in cui Jack lavora insieme al padre, arrivano 2 persone coinvolte in un incidente automobilistico; un uomo, Adam Rutherford, che muore poco dopo, e una giovane donna di nome Sara. Poco prima di operarla Jack viene a sapere dalla ragazza che si dovrà sposare di lì a poco e, nonostante riesca poi a salvarle la vita, si sente in colpa perché è convinto che deluderà il desiderio di lei di guarire completamente per ballare alle sue nozze. Così,nonostante poco prima avesse comunicato le proprie perplessità , sia alla ragazza che al suo futuro sposo, sulla possibilità di una completa guarigione, Jack, spinto anche dalle critiche del padre per il suo eccessivo scetticismo, si lascia sfuggire alla donna la promessa che la farà tornare a camminare.

Sull’isola

Mentre tutti, alle grotte, aspettano notizie da Jack, Shannon si incammina da sola nella foresta per cercare Vincent che è scappato. Sayid decide di seguirla e quando la trova, la ragazza gli racconta di aver visto Walt nella foresta, completamente bagnato che le sussurrava qualcosa di incomprensibile. Lo scetticismo di Sayid, che Shannon percepisce come mancanza di fiducia, causa una lite fra i due.

Alla botola Locke organizza un sistema di carrucole per calare prima Kate, ma qualcosa va storto, Kate cade nell’ultimo tratto di tunnel perdendo la torcia, così che Locke non riesce più a vederla e, inspiegabilmente, nemmeno a sentirla.

Alle grotte Jack, probabilmente preoccupato più per la bella che per Locke, decide di raggiungerli di nuovo alla botola , ma quando arriva non trova nessuno e capisce che ormai sono dentro chissà dove…decide allora di scendere a cercarli.

FB

Di sera, dopo l’operazione, Jack va a correre su e giù per le gradinate di uno stadio, ma a un certo punto scatta una sorta di competizione con un altro uomo e finisce per inciampare e farsi male alla caviglia. L’uomo va in suo soccorso, così i due si presentano e si spiegano i motivi di tanto slancio agonistico: l’uomo, di nome Desmond, si sta preparando per una regata intorno al mondo, mentre jack è lì per schiarirsi le idee sulla sua paziente e sfogare la rabbia per l’insuccesso della sua operazione.

Poco dopo, ancora sudato, Jack va a visitare Sara e cerca di scusarsi con lei per non aver mantenuto la sua promessa. ma la ragazza, che a quel punto pena la stia prendendo in giro, gli fa notare che lei riesce a muovere le dita. Jack, convinto che l’operazione non fosse riuscita, pensa che sia avvenuto un miracolo.

Sull’isola

Arrivato in fondo al tunnel jack trova la torcia di Kate e con quella prosegue arrivando ad una stanza piena di macchinari elettronici e computer. Parte la stessa musica di inizio puntata e quando Jack si avvicina alla tastiera del computer, da dietro le spalle, la voce di Locke gli intima di non farlo. Jack vuole sapere da Locke che fine abbia fatto Kate, ma poco dopo si accorge che non risponde perché qualcuno dietro di lui gli sta puntando una pistola alla testa. A questo punto Jack cerca di provocare Locke ironizzando sulla sua fede nel destino che li avrebbe portati a questo esaltante epilogo. Ma rimane a dir poco scioccato quando l’uomo che li sta minacciando mostra il suo volto e in lui riconosce l’uomo dello stadio…Desmond.

(autrice: Isi78)

Rispondi