Michael e Walt – Personaggi minori

Susan Lloyd – Tamara Taylor

Alex – Tania Raymonde
Arturo – Francesco Simone
Amico di Walt – John Jamal Bradley
Lizzy Calloway – Jeanetta Arnette
Dagne – Natasha Goss
Naomi Dorrit – Marsha Thomason
Clark Finney – Saul Rubinek
Gus – William P. Ogilivie
Infermiera #1 – Monica Garcia
Infermiera #2 – Galyn Görg
Steve Jenkins – Christian Bowman
Martin Keamy – Kevin Durand
Bea Klugh – April Grace
Frank Lapidus – Jeff Fahey
Madre di Michael – Starletta DuPois
George Minkowski – Fisher Stevens
Omar – Anthony Azizi
Danny Pickett – Michael Bowen
Brian Porter – David Starzyk
Libby Smith – Cynthia Watros
Tom – M.C. Gainey

Amico di Walt – John Jamal Bradley

Amico di Walt Lloyd che frequenta con lui la Fieldcroft School a New York City.
Uscirà con lui dal portone della scuola quando Jeremy Bentham andrà a trovarlo nel 2007. (5.07 – Vita e morte di Jeremy Bentham – The Life and Death of J. B.)

torna su

Arturo – Francesco Simone

Arturo è l’amante di Tom/Mr Friendly, lo incontriamo a New York nella suite d’hotel dove alloggia Tom quando Michael si reca li, in cerca di Mr Friendly, dopo esser riuscito a scappare dall’Isola.
Tom chiede ad Arturo un po’ di privacy per parlare con Michael, baciandolo poi teneramente sulla guancia; così Arturo esce dalla stanza. (4.08 – Vi presento Kevin Johnson – Meet Kevin Johnson)

Curiosità

Arturo e Tom sono gli unici due personaggi di Lost ad essere gay. Solo la cognata di Hurley, Lisa, sembra essere bisessuale.
Arturo è il quarto personaggio ad avere origini italiane nello show dopo Angelo Busoni, Gabriella Busoni e Peter Avellino.
Il suo nome può essere un riferimento al fantasista italiano Arturo Brachetti, che si sa essere gay.

torna su

Avvocato Clark Finney – Saul Rubinek

Clark Finney è l’avvocato di Michael nel caso di affidamento di Walt contro Susan e Brian, le sue basse tariffe sono la ragione principale per cui Michael lo ha scelto.
Finney è informato della condizione generale ed economica di Michael facendogli presente che il loro caso, contro l’ardua squadra legale di Susan, potrebbe essere paragonabile ad un “Davide contro Golia” che gli avrebbe probabilmente solo svuotato finanziariamente le tasche.
Nel corso della riunione legale, Finney cerca di aiutare Michael a mantenere i suoi diritti come genitore, cercando anche di gestire i di lui scatti d’ira consigliandogli di non rispondere alle provocazioni dell’avvocato di Susan, Lizzy.
Alla fine Susan conclude direttamente con Michael l’accordo senza nessun avvocato presente. (2.02 – Alla deriva – Adrift)

Curiosità

L’attore che interpreta Clark Finney è uno dei protagonisti della serie tv Warehouse 13.

torna su

Avvocato Elizabeth ‘Lizzy’ Calloway – Jeanetta Arnette

Elizabeth Calloway, alias Lizzy, è uno degli avvocati del team legale ingaggiato da Susan Lloyd nella causa di affidamento di Walt contro Michael.
Durante la riunione legale, Lizzy interroga provocatoriamente Michael facendogli domande su Walt la cui risposta, che reclama spesso di mettere agli atti, va sempre a vantaggio di Susan. Gli chiede da quanto tempo non vede Walt, Michael risponde “Circa un anno fa”, lei controbatte “Quattordici mesi per l’esattezza”, poi gli domanda perché quando Susan ha portato son se il figlio ad Amsterdam lui non si è opposto mentre ora sì, dandogli dell’incoerente; poi mette l’accento sulle spese dell’ospedale dopo l’incidente accadutogli pagate da Susan; infine chiede a Michael quali sono state le prime parole di Walt e qual’è il suo cibo preferito, risposte che ovviamente Michael non può conoscere; concludendo poi con “Beh, per essere così determinato a mantenere la patria potestà sembra conoscere ben poco suo figlio, Mr. Dawson”. (2.02 – Alla deriva – Adrift)

Curiosità

La frase conclusiva nell’arringa dell’avvocato Lizzy è molto simile a quella che dice Ms. Klugh nell’episodio 2.22 – Tre minuti – Three minutes a Michael, così come il contenuto delle domande finali.

torna su

Gus – William P. Ogilvie

Gus è il proprietario di un negozio di pegni a Manhattan, Michael va da lui per vendere il Rolex che gli aveva regalato Jin sulla zattera, durante il tentativo di andar via dall’Isola. Gus gli chiede cosa c’è scritto in cinese sul retro dell’orologio, Michael gli dice che è scritto in coreano. In cambio dell’orologio Michael prende una pistola e dei proiettili, che in seguito utilizzerà per tentare di suicidarsi. (4.08 – Vi presento Kevin Johnson – Meet Kevin Johnson)

Curiosità

Lo stesso attore interpreta un uomo che sta per acquistare collane false da Cassidy nell’episodio 3.15 – Abbandonate – Left behind.

torna su

Infermiera #1 – Monica Garcia

Un’infermiera che si occupa di Michael quando si trova in ospedale con una gamba ingessata, dopo esser stato investito da un auto.
Si trova nella stanza di Michael mentre lui cerca di disegnare un biglietto di auguri per Walt, la donna gli propone un indovinello per ispirarlo “Cos’è bianco e nero e rosso tutto attorno?”… un pinguino ustionato dal sole. Gli dice di avere esperienza in queste cose perché ha 4 figli. (” (1.14 – Speciale – Special)

torna su

Infermiera #2 – Galyn Görg

Un’infermiera che lavora all’Ospedale di New York quando Michael viene portato li dopo il suo primo tentativo di suicidio.
L’infermiera entra nella stanza di Michael sentendolo urlare e vedendolo poi molto agitato e spaventato, dopo l’apparizione di Libby.
Per calmarlo l’infermiera intavola una piacevole conversazione, gli spiega che è stato trovato gravemente ferito senza identificazione, aveva con se solo una sua lettera destinata a Walt, gli chiede se avrebbe dovuto chiamare Walt e Michael scuote la testa per far segno di no. (4.08 – Vi presento Kevin Johnson – Meet Kevin Johnson)

torna su

Susan Lloyd – Tamara Taylor

susan

Susan Lloyd, in Porter, è un avvocato, era la fidanzata di Michael e madre di Walt; è morta di una malattia del sangue in Australia.

Michael e Susan non erano sposati quando nacque Walt, che quindi ha preso il cognome di Susan, ma il nome Walt gli è stato dato da Michael in ricordo di suo padre defunto.
Quando Susan era incinta di Walt studiava alla facoltà di legge, pur essendo mantenuta da Michael che stava guadagnando nel settore delle costruzioni, seppur le sue aspirazioni eran da artista.
Quando Walt era piccolo Susan si trasferì da New York ad Amsterdam per un opportunità di lavoro nel diritto internazionale, portando Walt con se.
Quando Walt aveva 24 mesi, Susan inizia una relazione con Brian Porter, il suo nuovo capo, che l’aveva inizialmente assunta ad Amsterdam.
In questo periodo Michael viene investito da un auto, ma Susan scopre del di lui ricovero solo due mesi dopo chiedendo all’amico di Michael Andy. Così Susan va a trovare Michael in ospedale, si offre di pagare tutte le spese dell’ospedale e quelle della riabilitazione in compenso lo informa che lei stava per sposarsi con Brian, che a fine mese si sarebbero trasferiti a Roma e che l’uomo voleva adottare Walt. (1.14 – Speciale – Special)

Più tardi, lei e Brian vincono una battaglia legale per la custodia di Walt, Susan, in assenza degli avvocati che stavano facendo inasprire i toni, riesce a convincere Michael che è per il bene di Walt; così il padre cede tutti i suoi diritti permettendo a Porter di adottare formalmente Walt come suo padre legale. (2.02 – Alla deriva – Adrift)

In fine Susan si trasferisce a Sydney, in Australia, con Brian e Walt, dove viene colpita da leucemia e dopo una settimana muore. Brian, il giorno dopo la di lei dipartita, va a New York da Michael dove gli rivelerà che era stata Susan a volere che lui adottasse Walt.
Sydney, la tata di Walt, Dagne, consegna a Michael una scatola piena dei biglietti d’auguri che Michael aveva inviato al figlio ad ogni suo compleanno, dicendogli che Susan le aveva conservate ma che non le aveva mai fatte vedere al figlio. (1.14 – Speciale – Special)

Curiosità

Nel sito di Lost Experience, retrieversoftruth.com, vi è raccontata la storia di un Labrador giallo nato in Australia da una madre Labrador nera. Si racconta che quando il cucciolo è nato, la famiglia Porter ha ordinato che fosse bruciato perché considerato un abominio, ma è stato salvato dal figlio di un servo di nome Lloyd.
Lo studio legale di Susan Lloyd è lo stesso che ha seguito il caso di adozione del bambino di Claire.

L’attrice che interpreta Susan ora è tra i protagonisti della serie televisiva Bones.

Teorie

La malattia del sangue di Susan è la conseguenza di un esperimento della Hanso, Walt manifesterà la stessa malattia. Susan è stata uccisa affinché il futuro di Walt potesse essere controllato con più facilità.
E/o gli studi di Susan in diritto internazionale avrebbero potuto comportare una minaccia per gli interessi mondiali della Hanso.
Uno dei motivi per cui Susan non sembra curarsi molto alle pretese di Michael, sull’essere partecipe alla vita del figlio, potrebbe essere perché Walt non è in realtà suo figlio. In una delle udienze quando Michael dice “Sono suo padre” Susan gli risponde “Da quando?”, questa risposta potrebbe essere interpretata in due modi, potrebbe significare sia che non è mai stato una figura paterna presente per Walt sia che Michael non è il padre biologico.
Walt, che sembra manifestare delle capacità paranormali, ripete spesso a Michael “Tu non sei mio padre!”, anche questo può esser interpretato in due modi, sia come un atteggiamento di ribellione o diversamente alla luce della domanda fatta da Ms. Klugh a Michael: “Sei tu il padre di Walt?”.

torna su

Madre di Michael – Starletta DuPois

La signora Dawson è la madre di Michael e la nonna di Walt.
Michael, prima di imbarcarsi sul volo Oceanic 815, dall’aeroporto telefona a sua madre per chiederle se avrebbe potuto occuparsi lei di Walt, visto che lui viveva in un monolocale e che usciva per andare a lavorare la mattina presto ogni giorno. Ma la donna rifiuta, Michael si volta e vede Walt lì in piedi dietro di lui che aveva ascoltato tutta la conversazione. (1.24 – Esodo – Exodus, parts 2)

Quando Michael e Walt riescono ad uscire dall’Isola, tornano negli Stati Uniti e Walt va a vivere con la madre di Michael.
Michael va a casa della madre per tentare di vedere Walt, ma la Signora Dawson si sentiva frustrata per la precedente e inspiegabile scomparsa dei due e per il fatto che doveva continuare a nascondere la loro esistenza e che li doveva appellare con nomi falsi.
Così si rifiuta di lasciare che Michael parli con Walt perché il bambino era profondamente arrabbiato con il padre.
La ragione di questo comportamento ci viene svelata dall’insinuazione che poi fa Tom, quando Michael l’andrà a cercare nell’albergo dove Mr Friendly alloggiava a New York, contestando che Michael aveva detto a Walt che aveva ucciso Ana Lucia e Libby. (4.08 – Vi presento Kevin Johnson – Meet Kevin Johnson)

Circa tre anni dopo

Dopo il ritorno degli Oceanic Six dall’Isola, la Signora Dawson accompagna Walt all’Istituto di Salute Mentale Santa Rosa per far visita a Hurley. Però la donna vuol parlare prima da sola con Hugo chiedendogli se avrebbe fatto qualcosa di “pazzo”, Hurley la rassicura così la signora li lascia da soli a parlare. (4.13 – Casa dolce casa – There’s no place like home, parts 2)

torna su

Brian Porter – David Starzyk

Brian Porter, avvocato, era il capo di Susan Lloyd ad Amsterdam e i due inizieranno una relazione quando Walt aveva 24 mesi. Vivranno anche a Roma ed in fine si stabiliranno in Australia.
Brian sposò Susan e, su richiesta di lei, adotta Walt. Per questo la coppia affronterà una battaglia legale contro Michael, che non era disposto a cedere la patria potestà.
Dopo la morte di Susan, a Sydney, per una leucemia, Brian va a casa di Michael a New York, lasciando Walt in Australia con la tata, per restituire la custodia di Walt a Michael, dicendogli che aveva adottato il bambino solo perché era il desiderio di Susan, dirà anche che è un po’ inquietato dal ragazzo perché… succedono delle cose quando Walt è nei paraggi, “è diverso dagli altri”.
Quando Michael andrà in Australia per riprendersi il figlio sarà Brian ad occuparsi del viaggio di ritorno da Sydney a New York per Walt e Michael acquistando lui i biglietti per il volo Oceanic 815. Quando Walt non vorrà separarsi da Vincent, Brian gli regalerà il cane che in realtà era suo. (1.14 – Speciale – Special)

Curiosità

Potrebbe essere un affiliato della Dharma, il tetto della sua abitazione ha la forma del logo “Dharma”.
torna su

Dagne – Natasha Goss

Tata Dagne
In Australia la tata di Walt, Dagne, consegna a Michael una scatola di legno piena dei biglietti d’auguri che Michael aveva disegnato e inviato al figlio per il giorno di ogni suo compleanno, dicendogli che Susan le aveva conservate ma che non le aveva mai mostrate al figlio. (1.14 – Speciale – Special)

torna su

autrici:losttuttalavita e keira
fonte filmografie: imdb.com

Rispondi