2.22 – Tre minuti – Three minutes (Michael)

Episodio: 2×22
Titolo Originale: Three Minutes
Scritto: Edward Kitsis & Adam Horowitz
Regia: Stephen Williams
Episodio dedicato a: Michael

2206

Michael cerca di convincere un ristretto gruppo a fare un’incursione al campo degli Altri, ma un attento conoscitore della psiche umana intuisce che…

13 giorni fa – 12/11/2004

Nel Cigno, Michael chiede a John un’arma e dopo che John gliela consegna, lo colpisce e si precipita al monitor, dove spera di comunicare col figlio. “Walt” si collega e gli indica la strada per raggiungerlo. Michael chiude anche Jack, appena sopraggiunto, nell’armeria insieme a John e parte alla ricerca di Walt.

Oggi – 25/11/2004

Michael, fuori dalla stazione Cigno, sta bruciando un foglietto, appena un attimo prima che Jack lo inviti ad entrare dentro per pianificare l’assalto al campo degli Altri. Mentre Jack ritiene necessario l’intervento di tutti per il successo dell’operazione, Michael dice che è più prudente che solo loro cinque (lui, Jack, Sawyer, Kate e Hurley) partecipino alla missione, per evitare di essere notati. L’animata discussione provoca Hurley che fa notare a tutti i presenti che due loro compagne sono morte e che ancora non sono state seppellite. Il rabbioso intervento di Hurley riporta la calma nel gruppo, che si rende conto che organizzare un degno funerale a Libby e Ana Lucia è la priorità del momento.

13 giorni fa – 12/11/2004

Michael sta attraversando l’isola diretto a Nord, quando si imbatte negli “Altri” che, evidentemente, lo aspettavano. Nonostante i tentativi di fuga, Michael viene catturato, incappucciato e condotto ad un accampamento.

Oggi – 25/11/2004
Stazione Cigno

Michael è intento a ripulire la macchia di sangue della sua vittima. Eko sopraggiunge e gli chiede se crede all’inferno. Poi, gli racconta una strana storia: un ragazzino aveva colpito il suo cane per proteggere la sua sorellina, e chiese al sacerdote se sarebbe finito all’inferno. Eko comprese che il bambino non aveva timore dell’ira di Dio, quanto che il cane fosse all’inferno per vendicarsi.
Sicchè, tale racconto turba molto Michael, perché sembra calzare alla perfezione la sua attuale condizione interiore.
Poco dopo, fuori dal Cigno, Michael ribadisce che solo i cinque nominati prima dovranno far parte della spedizione, perché la missione è salvare Walt e lui soltanto, che ne è il padre, ha il diritto di decidere chi ne deve prendere parte. Jack, seppur titubante, annuisce.

Al campo sulla spiaggia

Charlie si avvicina a Claire e Aaron che gli sorride, e consegna alla donna una valigetta che contiene un vaccino che ha in precedenza testato su se stesso, nel caso fosse pericoloso.
Michael arriva sulla spiaggia accolto dai naufraghi con una gioia che prontamente smorzata alla vista di due nuove fosse mortuarie.

13 giorni fa – 12/11/2004

Michael è al cospetto di Tom, che se la ride alla grande. E’ la sera in cui Sawyer, Kate, John e Jack si erano messi sulle tracce di Michael ed erano stati sorpresi nella giungla dagli “Altri” che li avvertivano di stare alla larga e rispettare i confini. Ora assistiamo all’episodio dalla parte degli “Altri”. A Michael viene intimato di tacere, per il bene di tutti. Mentre Tom si fa portare Kate incappucciata per ricattare Sawyer e gli altri due, Alex, rimasta sola con Michael, lo rassicura sulle sorti di tutti e stupisce Michael chiedendo notizie di Claire e del suo bambino.

Oggi – 25/11/2004
Siamo sulla spiaggia

Nella tenda di Sawyer, questi e Jack stanno recuperando le armi. Sawyer chiede a Jack cosa è successo la sera precedente nella giungla, con Kate. Il dottore dice che sono caduti in trappola, al che Sawyer ribatte “Ah, si dice così, ora?”, insinuando che tra i due ci sia stato qualcosa di più intimo.
Sayid si avvicina e, dando per scontato che anche lui parteciperà all’incursione al villaggio degli Altri, chiede le armi. Jack gli fa notare che secondo Michael nessun altro oltre ai 5 dovrà partecipare all’azione, ma Sawyer dà l’arma a Sayid ritenendo opportuno che “Berretto Rosso” faccia parte del gruppo.

Stazione Cigno

Eko ha preso il posto di John, ben lieto di aver assunto il compito di premere il pulsante.
Giunge Charlie che si lamenta con lui perché è sparito nel cuore della notte. Eko si scusa ma chiede al ragazzo di portargli la sua roba al bunker, perché è lì che si trasferirà. Charlie sbotta deluso e amareggiato se ne và.

Di nuovo sulla spiaggia

Sawyer informa Michael che “Capitan Arabia” Sayid farà parte del gruppo, suscitando la rabbia di Michael che si reca da Sayid per dissuaderlo dall’unirsi al gruppo, insinuando che la rabbia di ritrovare il falso Henry Gale potrebbe compromettere il salvataggio di Walt. Sayid sembra convincersi, e si tira indietro augurando a Michael buona fortuna.

11 giorni fa – 14/11/2004

Tom, gli Altri e il prigioniero Michael giungono al campo. Tutto intorno tende, capanne, uomini e donne vestite di stracci, una porta metallica con logo Dharma presidiata da due uomini armati…
A Michael viene prelevato un campione di sangue e, condotto in una capanna, viene interrogato da Bea Klugh, che gli fa delle domande su Walt, sulla sua infanzia, sui suoi comportamenti. In particolare, gli chiede se Walt è mai comparso dove non doveva essere.

Oggi – 25/11/2004
Di nuovo sulla spiaggia

Charlie, ormai abbandonato anche da Mr. Eko, cerca di andare avanti nella costruzione della Chiesa. Vincent gli corre incontro scodinzolando allegramente, e gli depone ai piedi una statuetta della Madonna (quelle con la droga!), invitandolo chiaramente a “giocare al riporto” con lui. Immaginate la faccia di Charlie, che si sente preso in giro anche da quel meraviglioso cucciolone. Comunque, incuriosito, lo segue fino alla tenda di Sawyer, dove scopre che quella birba di cane ha trovato la riserva di statuine. Ma Charlie probabilmente si sente cambiato, e con tutta la sua buona volontà decide di liberarsi delle statuine, gettandole in mare, sotto lo sguardo di John che, se ne è compiaciuto, non lo dimostra affatto.

Stazione Cigno

Jack avvisa Saw che il funerale delle due compagne sarà fatto al tramonto. Sawyer si rende conto di non sapere nulla di Ana Lucia, nonostante con lei abbia diviso un momento di estrema intimità, sicchè lo esterna a Jack, confidandogli che sono “caduti in trappola” (Sawyer non perde mai il suo sarcasmo). Il dottore, stupito, gli chiede perché mai gli stia facendo quella confidenza, e James gli dice “Perché per me sei la cosa che assomiglia di più ad un amico”.

Campo sulla spiaggia

Kate e Hurley scavano le fosse per le due donne morte. Michael si avvicina ad aiutarli, dice loro che partiranno il mattino seguente. Com’era prevedibile, data la sua indole, Hugo risponde che lui non andrà con loro. Ciò mette in agitazione Michael che cerca invece di convincerlo ad andare, e di instillare in lui il desiderio di vendetta per la morte di Libby. Prontamente Kate zittisce Michael, assolutamente inopportuno in quel momento di dolore per Hugo.

3 giorni fa – 22/11/2004
Accampamento degli Altri

Bea va nuovamente da Michael, convinto che presto sarà ucciso. Bea invece gli dice invece che non solo lui non morirà, ma sarà libero di andar via insieme a suo figlio se accetterà di fare qualcosa per loro. I compagni di Michael hanno catturato uno degli Others, per cui lui dovrà fare di tutto per liberarli. Allora Michael chiede di vedere Walt, cosa che gli viene concessa, per soli 3 minuti, duranti i quali tuttavia il dialogo è “pilotato” da Bea che, quando Walt urla “non sono chi dicono di essere” minaccia di rinchiuderlo nella “stanza”. La separazione tra padre e figlio è dura e dolorosa e Michael si convince ad accettare di liberare il prigioniero. Ma non è così semplice: ora Ms. Klugh gli dice che oltre a liberare il loro uomo, Michael dovrà portare da loro altre 4 persone, segnate su una lista che gli consegna. I quattro sono Kate, Jack, Hurley e tale James Ford, che i Losties conoscono come “Sawyer”. Gli raccomanda che assolutamente Michael dovrà portare quelle quattro persone, solo quei quattro e non uno di meno, altrimenti l’accordo salta.
Questo ci chiarisce (nel caso non l’avessimo ancora intuito) il perché dell’insistenza di Michael nel convincere Hurley ad andare e nel dissuadere Sayid dal farlo.


25/11/2004
Sulla spiaggia

Mentre i sopravvissuti si riuniscono attorno alle salme di Libby e Ana Lucia, Locke in disparte si libera della fasciatura alla gamba e si allontana da solo.
Sayid dice a Jack che Michael è “compromesso”, che dubita della sua buona fede e che un padre farebbe qualsiasi cosa per il figlio. Sayid ha notato l’anomalo comportamento di Michael e ha intuito ogni sua mossa, ma suggerisce a Jack di lasciargli credere di avere la situazione in pugno.
Al funerale Jack dice poche parole per ricordare Ana Lucia, lasciando ad Hurley il compito di ricordare Libby. Hurley è emozionato e a corto di parole, ma il suo rigurgito di dolore lo spinge d’impulso ad accettare di unirsi a Michael nella spedizione alla ricerca degli Altri.
Il momento è triste per tutti, Claire si sente più vicina a Charlie e stringe la sua mano.
Sun guarda verso l’orizzonte e, sbigottita richiama l’attenzione degli altri: una barca a vela che naviga verso riva.

(autrice: loislane)

Rispondi