6.11 – E vissero felici e contenti – Happily Ever After

Titolo originale: Happily ever after
Titolo italiano: E vissero felici e contenti
Sceneggiatura: Carlton Cuse & Damon Lindelof
Regia: Jack Bender
Produttore: Jean Higgins
Dedicato a: Desmond

Happily Ever After è un’espressione che si una comunemente quando si arriva alla fine di una fiaba dove il finale è sempre felice… “e vissero a lungo felice e contenti”
Purtroppo nella vita vera non sempre le cose finiscono nel migliore dei modi.

Questo è l’undicesimo episodio dell’ultima stagione ed è stato bello davvero come tutti gli episodi dedicati a Desmond. Rivediamo alcuni “ritorni” importanti come Minkowski, Eloise e Daniel che di cognome si chiama Widmore mentre Penny si chiama Milton. E adesso finalmente cominciamo a “ballare!” in attesa di un finale con il “botto!”

Lo specchio

Ora sappiamo perché ogni volta i protagonisti si guardano allo specchio appaiono turbati, accade perché affiorano dei ricordi e loro pensano: “e se avessimo avuto un’altra vita?”….. È proprio Charlie Pace a spiegarcelo nel suo discorso con Desmond come del resto poco dopo gli ripeterà anche Daniel.

L’ipotesi che la bomba abbia effettivamente cambiato la realtà, sembra tangibile

A quanto pare “La realtà parallela” nasce dopo che in quel famoso mese di luglio del 1977, Faraday viene ucciso proprio da sua madre Ellie e subito dopo Richard Alpert accompagna Jack e Sayid che sono determinati a seguire i consigli di Faraday che sono decisi come non mai nel voler cambiare le cose.

Le due realtà si intrecciano.

Interessante l’incontro con la Hawking che appare come l’altezzosa signora Widmore, la quale comunque “sa” sempre tutto e non vuole nel modo più assoluto che Desmond e Penny si incontrino. Ci sono tanti rimandi alle stagioni precedenti come il tentato suicidio di Charlie che richiama la scena della stazione dello “specchio”. Come l’incontro di Desmond con Penny richiama non solo la scena dell’incontro tra Desmond e Jack allo stadio ma anche il loro ultimo incontro prima che lui partisse per l’isola.

Aveva ragione Kate

Poco prima di decidere di fare scoppiare la bomba Jack dice che l’esplosione avrebbe cancellato tutto e così si sarebbe evitato tanto dolore, Kate invece dice che tra loro non ci sono stati solo dispiaceri ma anche amore e che continuare la loro vita senza conoscersi non sarebbe stata la scelta migliore.

Realtà parallela

Charlie fa aprire gli occhi a Desmond. E’ una rockstar famosa ma si droga ed è completamente infelice e perso, eppure proprio come “nell’altra vita” appena vede Claire se ne innamora perdutamente e non sogna altro che vivere sempre e sempre e soltanto vicino a lei. Anche per Daniel, che ha visto Charlotte, è l’amore la molla che lo spinge a scrivere una pagina del suo diario, non come Daniel Widmore ma come avrebbe scritto Daniel Faraday. Noi per un momento vediamo i suoi appunti, i vari disegni, le varie linee e leggiamo “ Spazio Reale Tempo immaginario”.

Daniel e Desmond

Questi due uomini sono in grado di capire quello che sta succedendo, sono loro l’anello che unisce le due realtà e forse potrebbe essere proprio Daniel a fare fallire i piani di sua madre.

Minkowsky

Minkowski lo rivediamo in veste di autista, proprio lui che è già legato a Desmond, lui che nella timeline originale muore a causa dei salti temporali perché non ha una “costante”. Nella timeline originale Minkowski porta Desmond nella stanza radio per parlare con Penny, nella timeline parallela lo porta allo stadio, per incontrarsi con lei.

“Possiamo sempre scegliere fratello”

Desmond ora è l’opposto di quello che abbiamo visto nella timeline originale, non solo perché sembra un affermato uomo d’affari e gode del rispetto di Widmore (che gli ha addirittura offerto e anche il suo preziosissimo whisky) ma la differenza più evidente nasce dal fatto che lui non è più un fatalista, ora crede nel libero arbitrio ed è convinto che ogni uomo possa essere l’artefice del proprio destino. Desmond è molto deciso a disubbidire alla volontà della Hawking e ora vuole andare a cercare l’elenco con i nomi dei passeggeri del volo 815.

Penelope Milton

La visione speculare tra Penny e Daniel in questo caso è decisamente molto evidente, infatti nella realtà originale Penelope si chiama Widmore (Charles Widmore non ha sposato la Hawking e Daniel non porta il suo cognome). Nella realtà parallela è esattamente il contrario, è Penny che non ha né il cognome né il patrimonio paterno.

Sull’isola si viene eternamente manipolati

Widmore, torna a parlare di “sacrificio” (parla proprio come Jacob) e sostiene che se Desmond non accetta di sacrificarsi, tutti quelli che non sono sull’isola, compresa Penny e il suo piccolo Charlie, cesserebbero di esistere.

Dopo essere stato sottoposto all’esperimento dell’elettromagnetismo, Desmond diventa improvvisamente mansueto, tanto che Zoe lo chiama “Mister Collaborazione”
Lui è rimasto incosciente per qualche secondo ma quando si riprende si dichiara disposto a collaborare lasciando stupefatti tutti quelli chi gli sono intorno.
Però quando improvvisamente dai cespugli sbuca Sayid, Desmond lo segue, come se sapesse che lo condurrà da Blackman.
Vedremo cosa farà Desmond che questa volta mi pare di capire si sia reso conto della situazione e non sarà certamente facile da manipolare..

Teoria

“Ha funzionato”

Sono portata a supporre che come “dice” Juliet a Miles la bomba è esplosa e l’isola è stata sommersa quindi da quel momento il tempo si è sdoppiato in due realtà che coesistono. Probabilmente l’esplosione della bomba non ha “deviato” la linea temporale, ma ne ha creata un’altra.

Ellie e Charles

Widmore è stato mandato via dall’isola a causa di Penny ma ora rivuole l’isola e non solo: vuole salvare la realtà nella quale suo figlia Penelope porta il suo cognome ed è a tutti gli effetti la sua erede.
Ellie è di tutt’altro avviso, lei vuole che vinca le “realtà parallela” vuole preservare la realtà dove suo figlio Daniel non muore e porta il cognome di Widmore.

L’isola ha un grandissimo valore in quanto sembra proprio che possa essere usata come una sorta di macchina del tempo in cui i destini di tutti gli esseri viventi si intrecciano in infinite probabilità. Ellie e Charles sanno come servirsene e sono in grado di manipolare gli eventi secondo i loro scopi. Ora si intuisce che alla fine resterà solo una realtà e forse…. Chissà!.i Losties non sapranno mai neanche di avere viaggiato nel tempo.

Burning questions

Chi sarà mai “sarà la madre misteriosa di Penny? (l’altra donna)
Chi sono i genitori di Desmond?
Perché lui è così “speciale”?

Riferimenti culturali

Nella realtà parallela il cognome di Penny è Milton, è un riferimento a John Milton, l’autore di Paradise Lost, un poema del quindicesimo secolo che tratta dei Fallimenti dell’Uomo: la tentazione di Adamo ed Eva da parte di Satana, l’Angelo Caduto e la loro espulsione dal Giardino dell’Eden.
Inoltre tocca le tematiche di Fato e Predestinazione.

Curiosità

Nell’ufficio di Widmore ci sono due quadri raffiguranti la bilancia con le pietre bianche e nere posate sui piatti (uno ha la cornice bianca e l’altro ha la cornice nera) proprio come abbiamo visto nella caverna.

Autrice: angelina

Rispondi