1.16 – Fuorilegge – Outlaws (Sawyer)

Episodio: 1×16
Titolo Originale: Outlaws
Scritto da: Drew Goddard
Regia: Jack Bender
Episodio dedicato a: Sawyer

 Il racconto si svolge 29 – 30 – 31 giorno dopo il crash

FB – Alabama, Dicembre 1976

James Ford un bambino di circa 8 anni si sveglia nel cuore della notte a causa del forte rumore di colpi battuti con violenza contro la porta di casa sua. Mary Ford, sua madre, entra affannata nella sua stanza per tranquillizzarlo, sostiene che tutto va bene ma i suoi occhi dicono esattamente il contrario, lei è davvero molto spaventata.
Mary dice a suo figlio di nascondersi sotto al letto, gli fa promettere di non uscire da quel nascondiglio qualsiasi cosa accada. Poi aggiusta bene il letto per accertarsi che nessuno possa sospettare che il bambino sia nascosto li sotto e scende le scale per andare ad aprire la porta.
Il piccolo James diventa così testimone di una lite violenta che si conclude con il colpo di un arma da fuoco.
Il bambino è terrorizzato, non osa quasi respirare poi sente dei passi che si dirigono verso il suo letto, vede degli stivali da uomo, lui fa di tutto per cercare di non piangere.
Quell’uomo è suo padre, che si siede sul letto, il povero ragazzino è convinto che sarà la prossima vittima e trattiene il respiro. Nella stanza c’è uno strano silenzio poi improvvisamente parte un altro colpo di arma da fuoco e il corpo di suo padre si accascia sul letto ormai privo di vita, il poveretto dopo avere ucciso la moglie si è tolto la vita.

Circa metà Settembre 2004

Sotto falso nome

28 anni dopo James, che ora si fa chiamare Sawyer è in una camera d’albergo con una giovane donna di nome Mary Jo. I due si stanno baciando ma, prima di poter andare oltre, compare un uomo che era nascosto nell’ombra della stanza e li interrompe.
Sawyer si trova viso a viso con Hibbs, questo individuo lo ha raggirato più di una volta in passato, a quel punto ordina a Mary Jo di uscire dalla stanza e di lasciarli soli.
Appena la ragazza se ne va, Sawyer afferra l’intruso e lo butta contro il muro rammentandogli di avergli già detto di stargli lontano altrimenti lo avrebbe ucciso.
Hibbs, dice che questa volta lo ha cercato perché vuole sdebitarsi e gli consegna un documento che potrà usare anche per rifarsi dell’affare di Tampa.
Hibbs sostiene di avere trovato il “vero Sawyer”, (ovvero l’uomo che ha causato la rovina della famiglia di James) che ora si fa chiamare Frank Duckett, si è trasferito a Sidney in Australia e ha un piccolo banco dove vende gamberetti.

Progetti di Vendetta

Indubbiamente James (che noi conosciamo come Sawyer) è molto interessato a questa scoperta, lui non ha mai dimenticato l’orrore di quella notte durante la quale i suo genitori sono morti, ed è deciso a vendicarsi.
Finalmente adesso sa dove trovare la persona che ha cercato per tutta la sua vita, colui il quale è stato la causa della distruzione della sua famiglia.

Sidney

Sawyer passeggia su un marciapiede di Sydney, entra in un vecchio riparo di barche dove c’è un uomo che vende armi. Costui gli dice di acquistare l’arma solo se è determinato a usarla e se dovessero arrestarlo non lo deve denunciare, Sawyer accetta.

15 settembre 2004

Sawyer è seduto in macchina e fissa un banco di vendita di gamberetti, mentre con una mano si assicura che l’arma che porta con se sia carica, poi scende dalla macchina e si avvicina all’uomo dietro al banco.
Quest’uomo sembra una persona gentile, si offre addirittura di fargli uno sconto del 50% perché è Americano.
L’uomo si appresta a riscaldare il cibo per Sawyer, che intanto fra le mani tremanti stringe la pistola, a un tratto però Sawyer esita, e quando l’uomo si volta verso di lui per servirgli il suo pasto Sawyer è sparito.

Sawyer entra in un bar, è appoggiato al bancone e beve tentando di annegare nell’alcool la sua angoscia.
Il barista gli chiede se ha bevuto abbastanza, ma lui gli chiede di continuare a servirlo. Poco più in la nello stesso bar c’è un altro Americano che ha osservato la scena e si congratula con lui, gli dice “gli australiani, pensano che gli americani non sanno reggere all’alcol.”
Sawyer gli offre da bere e quell’uomo si avvicina a lui, per uno strano gioco di coincidenze vediamo che si tratta di Christian Shephard, il padre di Jack.
Shepard inizia a raccontare la sua vita, dice che è medico proprio come suo figlio che sostiene di ammirare per quello che ha fatto quando ha denunciato un suo errore come chirurgo davanti alla commissione di inchiesta.
Ammette inoltre che è consapevole che basterebbe una telefonata con un semplice “ti voglio bene” per sistemare tutto ma lui è un uomo troppo debole per farlo.
Shephard aggiunge che certe persone sono destinate a soffrire, proprio per questo i Red Sox “non vinceranno mai il campionato “.
Shepard a suo volta vuole sapere da Sawyer se le ragioni di “affari” che lo hanno portato li potrebbero aiutarlo a ritrovare la pace e Sawyer risponde di si, a quel punto Shepard gli chiede perché mai resta in quel bar a bere se ha delle cose da fare.
Sawyer ora non ha più esitazioni si alza e lascia il bar, più che mai deciso a portare a termine quello che voleva fare quando si è recato a Sidney.

Sawyer uccide Frank Duckett

Sawyer sale in macchina e torna al banco dove vendono i gamberetti.
Piove a dirotto, Sawyer vede il suo bersaglio, ovvero l’uomo che per lui è il “vero” Sawyer, colui che è la causa della distruzione della sua famiglia e che del resto lui non ha fatto altro che cercare durante tutta la sua vita. Sawyer vuole assolutamente vendicarsi.
L’uomo esce dal banco e va a gettare l’immondizia, Sawyer stringe fra le mani la sua pistola e scende dalla sua macchina.
Ora il suo bersaglio è vicino a lui e finalmente può realizzare il suo progetto, prima di alzare l’arma grida il suo nome, l’uomo si volta e Sawyer spara colpendolo in pieno petto.
L’uomo con una voce che è un soffio dice che Hibbs non aveva bisogno di farlo uccidere perché lui avrebbe pagato i suoi debiti.
Con orrore in quel momento Sawyer si rende conto che Hibbs l’ha manipolato ancora una volta, si è solo servito di lui e gli ha fatto uccidere la persona sbagliata, Frank Duckett non è colpevole per la morte dei suoi genitori era soltanto qualcuno che aveva un debito con Hibbs.
Frank Duckett muore, sotto la pioggia torrenziale, ma prima di chiudere gli occhi sussurra una frase: “tutto si paga un giorno o l’altro”.

Sull’isola

20 ottobre 2004

Sawyer si sveglia nel cuore della notte

Sawyer durante la notte sogna la morte dei suoi genitori e si sveglia angosciato.
Si alza per bere un po’ di acqua quando sente un fruscio nella penombra, allora si china raccoglie la sua torcia e l’accende, con grande stupore vede un enorme cinghiale che distrugge tutte le sue cose.
Sawyer prende un bastone e comincia a colpirlo, ma il cinghiale fugge e scompare nella giungla portandosi via la sua tenda.
Sawyer è furibondo ma proprio in quel momento sente solo strani sussurri nel vento…ode delle parole indistinte ma che lo spaventano.

21 ottobre 2004

Strane allucinazioni

La mattina Sawyer riordina le sue cose quando vede arrivare Sayid che gli chiede come è andata con il suo “nemico”, prendendolo un po’ in giro riferendosi al cinghiale.
Sawyer invece interroga Sayid sulle voci che ha creduto di sentire nella giungla quando è riuscito a fuggire alla Rousseau. Secondo Sayid si trattava soltanto di una sorta di allucinazione scaturita da un forte stato di stress.

Jack è geloso di Kate

Dopo avere usato le pistole per catturare Ethan, Jack e Kate le rimettono nella Valigetta Halliburton. Ci sono tutte tranne quella che ha Sawyer, si rifiuta di renderla. Kate dice a Jack che lei ritiene che a modo suo potrebbe convincerlo a restituire l’arma, ma Jack è geloso e preferisce lasciare perdere piuttosto di saperli vicini.

Alle grotte

Claire sta parlando con Charlie, gli confida che comincia a ricordare qualcosa di lui nei suoi sogni, poi gli propone di fare insieme una passeggiata
Charlie è impegnato a costruire qualche cosa e rifiuta di seguirla, rimandando la cosa a un altro momento, visto che lui ora è molto occupato e si allontana lasciandola sola. Claire resta palesemente contrariata da quel rifiuto.

Sawyer cade nel fango per colpa del cinghiale

Sawyer gira nella giungla alla ricerca del cinghiale e ritrova la sua tenda abbandonata nei pressi di un albero, la recupera ma proprio mentre si allontana sente ancora quegli strani sussurri e di nuovo appare il cinghiale che lo carica. Lui fugge ma l’animale è più veloce di lui lo attacca e lo fa cadere nel fango.
Questo nuovo attacco lascia più che sbalordito Sawyer che a questo punto si prepara per andare a caccia, è deciso a uccidere il cinghiale.
Sawyer torna nella sua tenda e quando arriva Kate lui le racconta l’accaduto, ormai Sawyer è convinto che l’animale ce l’abbia proprio con lui, per porre fine a questa storia prende la pistola, vuole vendicarsi.
Kate trova assurda tutta la storia tuttavia gli consiglia di consultarsi con Locke, ma Sawyer si rifiuta perché sostiene che si tratti di una questione personale.

Sulla spiaggia

Charlie ha costruito con le sue mani la pala che userà per seppellire Ethan.
Lui e Hurley poi portano il corpo di Ethan nel luogo destinato alla sua sepoltura. Hurley, è preoccupato per il suo amico perché lo vede molto turbato.
Più tardi Hurley parla di questo con Sayid e gli chiede di aiutare Charlie, visto che lui ha vissuto la brutta esperienza della guerra.
Hurley è convinto che Charlie soffra di uno stress post-traumatico per aver ucciso un uomo.

Nella Giungla

Kate raggiunge Sawyer e si offre si aiutarlo, poiché vede che lui non riesce a seguire le tracce del cinghiale, inizialmente Sawyer è reticente ma poi i due stringono un patto.
Kate, in cambio del suo aiuto, chiede in futuro di poter accedere alle scorte personali di Sawyer e prendere quello che le occorre senza dovere chiedere il suo permesso.
Sawyer è consapevole di avere bisogno del suo aiuto e così accetta il patto.
Al calare della notte i due si accampano in attesa del cinghiale e Sawyer offre da bere a Kate prendendo le bottigline delle bevande alcoliche che ha recuperato dall’aereo.

Kate, Sawyer e il gioco del mai

I due cominciano a bere ed è così che Sawyer propone a Kate di giocare al gioco del “Mai”.
A turno, prima di bere, devono fare un’affermazione che contenga la parola “mai”, se si tratta di qualche cosa che l’altro ha fatto allora dovrà bere un sorso. Lo scopo ovviamente è di fare bere all’avversario il più possibile!
Dopo avere stabilito le regole iniziano a giocare ed è così che ridendo e scherzando, tra un bicchiere e l’altro Sawyer e Kate finiscono per farsi delle rivelazioni davvero importanti sulla loro vita.
Si scopre che Kate per esempio non è mai stata a Disneyland ma è stata sposata seppure per un breve periodo.
Sawyer non è mai stato innamorato ma all’affermazione “Mai ucciso un uomo” tutti e due bevono. Entrambi dunque hanno commesso un omicidio nel loro passato.
Sawyer è sorpreso e finisce per commentare che alla fine lui e Kate hanno qualcosa in comune, tutti e due hanno ucciso un uomo.

2 Ottobre 2004

Ancora un brutto sogno

Durante la notte Sawyer sogna ancora di essere piccolo e di essere nascosto sotto il letto, ma questa volta non vede i passi di un uomo ma le zampe del cinghiale.
Proprio allora Kate lo sveglia perché lo ha visto talmente agitato che si è preoccupata per lui. Poi i due si guardano intorno e vedono che ancora una volta l’accampamento è stato attaccato dal cinghiale, che si era accanito soltanto sugli oggetti di Sawyer ignorando totalmente quelli di Kate.

La strana storia di Locke

In quel momento arriva Locke dicendo che sta cercando degli oggetti che sono andati dispersi dopo il crah.
Kate e Sawyer, che sono ancora sconvolti, gli raccontano l’accaduto ed è allora che Locke fa a loro una strana confidenza.
Locke dice che era ancora un bambino quando sua sorella morì a causa di un incidente e che da allora un cane era improvvisamente arrivato nella loro casa, non faceva altro che seguire sua madre ovunque lei andasse.
La povera donna si sentiva in colpa per la morte della figlia e lasciava che il cane ogni notte andasse a dormire nel letto che era stato della sua bambina. Quando anche sua madre morì il cane andò via all’improvviso così com’era arrivato.
Kate allora chiede a Locke se crede possibile che il cane potesse essere l’incarnazione della sua sorellina e Locke risponde che sua madre ne era convinta. Lei riteneva che il cane fosse andato a casa loro proprio per rassicurarla e per farle capire che non aveva colpa per l’incidente che aveva causato la morte della figlia.

Sulla spiaggia

Sayid cerca in tutti i modi di rassicurare Charlie dicendogli di non sentirsi in colpa per la morte di Ethan, Charlie non fa che ripetere di avere agito così per il bene di Claire e che quello era un uomo malvagio, eppure quell’omicidio lo tormenta.
Sayid a sua volta racconta che lui prova la stessa cosa.
In guerra dopo avere ucciso il primo uomo, che con una bomba aveva assassinato la moglie e la figlia del suo vicino, aveva perso il sonno per il il rimorso. Poi però ripensava che aveva agito in risposta verso qualcuno che aveva fatto delle vittime innocenti lanciando una bomba. Sayid aveva agito facendo qualcosa che riteneva giusto, non aveva altra scelta.

E’ solo un cinghiale

Sawyer e Kate cercano la tana del cinghiale quando si imbattono in un cucciolo di cinghiale, Sawyer è raggiante, pensa che facendo urlare il cucciolo ha trovato il modo per catturare la madre, ma questo suo gesto non piace a Kate che si arrabbia e vuole che lui liberi subito il piccolo animale totalmente indifeso. Visto che Sawyer non intende ragioni, lei lo fa cadere e in quel modo il piccolo animale può scappare.
Poi sempre più contrariata lascia Sawyer solo, tanto sa che lui non avrà problemi a trovare la strada per tornare in spiaggia.
Più tardi ecco che finalmente Sawyer si trova davanti l’odiato cinghiale, estrae la sua pistola pronto a sparare, ma dopo avere fissato a lungo l’animale negli occhi, che sembra a sua volta quasi sfidarlo, cede e finisce per lasciarlo andare
Nella sua mente è ancora vivo quello che ha fatto a Ducket e inevitabilmente non può fare altro che paragonare quel gesto a quello che stava per fare al cinghiale.
Kate lo sta osservando da lontano, lui la raggiunge e dice che in fondo era soltanto un cinghiale mentre si dirige verso il campo.

Sulla spiaggia

Jin e Sun rammendano una rete da pesca. Michael lavora al suo progetto di costruire una zattera e Walt gioca con Vincent.
Claire è sola con lo sguardo rivolto all’oceano quando arriva Charlie che le propone di fare quella passeggiata che lui non ha potuto fare poche ore prima.

Sawyer mantiene un segreto

Jack è nel bosco e sta tagliando la legna per fare il fuoco quando arriva Sawyer che fa qualche battuta, poi finalmente gli consegna la pistola.
Rispondendo alle sue battute, Jack dice che “è per ciò che i Red Sox non guadagneranno mai il campionato”, Sawyer allibito gli fa ripetere la frase e Jack spiega che è suo padre che aveva l’abitudine di dirlo quando non voleva scusarsi per qualche cosa di sgradevole che aveva fatto, preferendo dare la colpa alla cattiva sorte.
Sawyer vuole sapere se anche suo padre era anche un dottore e Jack a sua volta vuole sapere perché mai lui si interessi tanto di suo padre, Sawyer esita un po’ e poi dice che non è nulla allontanandosi lasciando Jack alla sua occupazione.

Osservazioni su questo episodio

Sull’isola

In questo episodio scopriamo perché Sawyer fosse a Sidney e per quale ragione ha ucciso un uomo, inoltre scopriamo che il suo vero nome è “James” quando parla con Frank Duckett.

Mentre Kate gioca al gioco del “Mai” con Sawyer scopriamo che Kate è stata sposata e che ha commesso un omicidio, inoltre dice di essere stata sposata per un breve periodo.
Anche Kate ha commesso un omicidio ma non sappiamo nulla di questa sua vicenda.

Charlie è divorato dal senso di colpa per avere ucciso Ethan, anche se lui stesso lo definisce un uomo malvagio.

Ci sono strani legami fra i naufraghi, Sawyer infatti per caso ha conosciuto il padre di Jack a Sidney e per qualche strana ragione non lo dice a Jack.
Mary Jo, la ragazza che Sawyer aveva rimorchiato e si porta in camera, è l’annunciatrice tv che estrae i numeri vincenti della lotteria, quella che renderà ricco Hurley.

Sawyer cerca di vendicarsi dei dispetti del cinghiale e vorrebbe ucciderlo, a Sydney cercava la vendetta uccidendo l’uomo che ha distrutto la sua famiglia.
A Sidney sia Hibbs che Christian Shephard hanno giocato un ruolo importante nei confronti di Sawyer, influenzando le sue azioni.
Sull’isola è Kate a influenzare le sue azioni, ma lei lo incoraggia a non vendicarsi sul cinghiale e non vuole che lo uccida.

Gli animali ricorrono sempre più spesso negli episodi di Lost, dopo l’orso polare ora è la volta di un cinghiale, inoltre Locke racconta la storia del Golden Retriver di sua madre (Vincent è un Labrador Retriver).

Sawyer sente i sussurri due volte in questo episodio.
I Boston Red Sox sono una squadra del Major League Baseball spesso Jack li nomina.
Hibbs parla di un “affare Tampa” del quale nulla si sa.

(Autrice: Katrina)

Rispondi